Diritto e Fisco | Articoli

Geologi: l’obbligo di parcelle dignitose è sintomatico di cartello

18 Luglio 2013
Geologi: l’obbligo di parcelle dignitose è sintomatico di cartello

Lombra del cartello sullobbligo di parcelle «dignitose»: al giudice italiano decidere se è legale

La Corte di Giustizia della Comunità Europea si scaglia contro le parcelle dei geologi che non possono essere inferiori a quanto risulta “dignitoso” per la professione. Insomma, i limiti tariffari violano i principi della libera concorrenza.

Ma dovrà comunque essere il giudice italiano a verificare se si configura un vero e proprio “cartello” fra i geologi, a partire dal codice deontologico approvato dal loro Consiglio nazionale finito nel mirino dell’Antitrust italiano. È quanto emerge dalla sentenza emessa oggi dalla Corte di giustizia europea [1].

Il Consiglio nazionale ha fissato dei paletti in base ai quali il geologo deve determinare la propria parcella “allimportanza e difficoltà dellincarico, al decoro professionale, alle conoscenze tecniche e allimpegno richiesto”.

All’Ordine compete la vigilanza sull’osservanza del codice deontologico e, in particolare, di tale regola.

Dopo il sospetto dell’Antitrust italiano secondo cui si tratterebbe di un’intesa restrittiva della concorrenza, è arrivata oggi la scure della Corte UE.

Secondo la Corte, innanzitutto spetta al giudice del rinvio determinare e formulare le questioni pregiudiziali che riguardano l’interpretazione del diritto Ue si ritengono rilevanti ai fini della soluzione del procedimento principale: non devono essere applicate le norme nazionali che hanno l’effetto di ledere tale competenza. Dovrà essere il giudice del rinvio a valutare se davvero il riferimento alla «dignità» contenuto nel codice deontologico dei geologi serve a garantire i clienti sulla qualità delle prestazioni e non nasconda invece un’intesa anticoncorrenziale sul mercato interno. La verifica dovrà essere compiuta alla luce dell’ordinamento nazionale e della prassi applicativa delle norme deontologiche.


note

[1] Corte di giustizia europea nella causa C-136/12.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube