Diritto e Fisco | Articoli

Bollo auto: le esenzioni regione per regione

20 Novembre 2019
Bollo auto: le esenzioni regione per regione

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici, ibridi o non inquinanti: ecco l’elenco Regione per Regione.

Il bollo auto è un’imposta Regionale. Ogni Regine, così come le province autonome di Trento e Bolzano, hanno la possibilità però di stabilire esenzioni e riduzioni. Di solito, si tratta di misure collegate alle tipologie di veicoli (elettrici, a GPL, metano o ibride).

La disciplina cambia spesso, Regione per Regione, per cui ti conviene affrettarti per avere il bonus. Ecco allora l’elenco di tutte le esenzioni regionali sul bollo auto.

Indice

Bollo auto Abruzzo: riduzioni ed esenzioni dal bollo auto

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • veicoli elettrici  o con alimentazione esclusiva a GPL o gas Metano o ibrida;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria;
  • esenzioni permanenti.

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a GPL o gas metano

Gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Le autovetture e gli autoveicoli ad uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a gpl o gas metano, purché conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di un quarto della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina.

Con Legge Regionale n.1 del 29 gennaio 2019, vigente dal 1° gennaio 2019, la Regione Abruzzo ha disposto che i proprietari di nuovi autoveicoli con alimentazione ibrida benzina-elettrica inclusiva di alimentazione termica, o benzina-idrogeno immatricolati per la prima volta negli anni 2019 e 2020 sono esonerati dal pagamento della tassa automobilistica regionale per il primo periodo fisso e per le due annualità successive.

Bollo auto Provincia Autonoma Bolzano: riduzioni ed esenzioni

Nella provincia autonoma di Bolzano possono godere delle agevolazioni le seguenti categorie:

  • veicoli ultraventennali e ultratrentennali;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • veicoli con alimentazione esclusiva o doppia, elettrica, a idrogeno, metano, gpl oppure con alimentazione ibrida elettrica e termica;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Sono considerati veicoli ultraventennali gli autoveicoli e i motoveicoli con le seguenti caratteristiche:

  • costruiti da oltre vent’anni (salvo prova contraria, l’anno di costruzione coincide con l’anno di prima immatricolazione in Italia o in un altro Stato);
  • non adibiti ad uso professionale o utilizzati nell’esercizio di attività di impresa, arti o professioni.

Agevolazioni per veicoli ultratrentennali 

Sono considerati veicoli ultratrentennali gli autoveicoli e i motoveicoli con le seguenti caratteristiche:

  • costruiti da oltre trent’anni (salvo prova contraria, l’anno di costruzione coincide con l’anno di prima immatricolazione in Italia o in un altro Stato);
  • non adibiti ad uso professionale o utilizzati nell’esercizio di attività di impresa, arti o professioni.

Dal 1° gennaio 2016, gli autoveicoli e i motoveicoli, esclusi quelli ad uso professionale, di età superiore a 29 anni, continuano ad essere esenti dal pagamento della tassa automobilistica provinciale di proprietà.

Sono altresì esenti i veicoli ultratrentennali, ad uso professionale, per i quali sia presentata all’Alto Adige Riscossioni Spa idonea documentazione atta a dimostrare la detenzione a fini collezionistici e non professionali (copia della carta di circolazione contenente la definizione di veicolo di interesse storico e collezionistico, nonché le condizioni alle quali la circolazione è subordinata come le limitazioni d’utilizzo rispetto all’originaria destinazione d’uso, ad esempio il divieto di trasportare merci per un autocarro oppure passeggeri per un autobus).

Riduzioni ed esenzioni per veicoli con alimentazione, esclusiva o doppia, elettrica, a idrogeno, gas metano, gpl oppure con alimentazione ibrida elettrica e termica

Gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

La Provincia Autonoma di Bolzano con legge provinciale 11 agosto 1998, n. 9 e successive modifiche ha stabilito l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica per i proprietari di veicoli dotati di impianto a gas per l’alimentazione alternativa a GPL o a metano (sia alimentazione esclusiva, sia mista).

L’esenzione riguarda le prime tre annualità della tassa automobilistica e spetta a:

  • veicoli immatricolati dal 6 agosto 2003 al 29 dicembre 2015, dotati dall’immatricolazione di impianto a G.P.L. o a metano. L’esenzione decorre dalla data di immatricolazione per i primi 36 mesi;
  • veicoli adattati dal 6 agosto 2003 al 29 dicembre 2015. L’esenzione spetta per i tre periodi tributari annuali successivi alla data di installazione, fermo restando l’obbligatorietà del collaudo dell’impianto a G.P.L. o a metano.

I proprietari di veicoli con alimentazione ibrida elettrica e termica o ad idrogeno sono esentati dal pagamento della tassa automobilistica per 36 mesi dall’immatricolazione.

La tassa automobilistica deve essere corrisposta per la prima volta dopo tre anni, secondo le regole d’individuazione delle scadenze previste per il pagamento della prima tassa automobilistica.

Attenzione! La Provincia Autonoma di Bolzano con legge provinciale 23 dicembre 2015 n.19 ha disposto che a decorrere dal 30 dicembre 2015 sono esentati dal pagamento della tassa automobilistica per i primi tre anni dall’immatricolazione i proprietari di veicoli immatricolati nuovi in provincia di Bolzano, con alimentazione, esclusiva o doppia, a idrogeno, gas metano, gpl oppure con alimentazione ibrida elettrica e termica. 

Tale disposizione è stata modificata dalla legge provinciale 22 dicembre 2016 n.28, in base alla quale a decorrere dal 28 dicembre 2016 l’esenzione triennale per i veicoli con alimentazione, esclusiva o doppia, a idrogeno, gas metano, gpl oppure con alimentazione ibrida elettrica e termica, spetta ai veicoli immatricolati nuovi e di competenza della provincia di Bolzano, vale a dire:

  • di proprietà di soggetti residenti nella provincia di Bolzano, senza utilizzatori (a titolo di locazione finanziaria – leasing,  di acquisto con patto di riservato dominio o di usufrutto);
  • di proprietà di soggetti ovunque residenti, con utilizzatore (a titolo di locazione finanziaria – leasing,  di acquisto con patto di riservato dominio o di usufrutto) residente nella provincia di Bolzano.

Sono pertanto esclusi i veicoli con installazione dell’impianto ad alimentazione ecologica successiva all’immatricolazione. Sono altresì esclusi i veicoli immatricolati all’estero, e i veicoli già di competenza di altre regioni.

La legge provinciale n.12 del 7 agosto 2017 ha aumentato da tre a cinque anni l’esenzione per i  veicoli immatricolati nuovi dal 10 agosto 2017 e di competenza della provincia di Bolzano, con alimentazione ibrida elettrica e termica, e con emissioni di anidride carbonica non superiori a 30 g/km.

Alla cessazione del regime di esenzione, la tassa automobilistica provinciale è dovuta in misura intera, tranne i veicoli con alimentazione esclusiva per i quali la tassa automobilistica è pari ad un quarto del dovuto.

Bollo auto Emilia Romagna: riduzioni ed esenzioni

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a gpl/metano;
  • Veicoli ad alimentazione ibrida – ecoincentivi;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria;
  • inizio pagina.

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici, o alimentati esclusivamente a GPL/Metano  

Gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Le autovetture e gli autoveicoli ad uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a GPL o gas metano, purché conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di un quarto della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina.

Veicoli ad alimentazione ibrida – ecoincentivi 

Con Legge Regionale 29 dicembre 2015, n. 23, la Regione Emilia Romagna ha disposto che per l’anno 2016 i proprietari di autoveicoli nuovi con alimentazione ibrida benzina-elettrica, o gasolio-elettrica, o con alimentazione benzina-idrogeno, sono esentati dal pagamento della tassa automobilistica regionale dovuta per il primo periodo fisso e per le due annualità successive.

L’esenzione è riconosciuta esclusivamente ai veicoli nuovi ad alimentazione ecologica immatricolati per la prima volta in Italia dall’1/1/2016 al 31/12/2016 da contribuenti residenti o con sede legale in regione Emilia Romagna. Sono pertanto esclusi i veicoli con installazione dell’impianto ad alimentazione ecologica successiva all’immatricolazione. Sono altresì esclusi i veicoli già immatricolati all’estero oppure in Italia fuori dal territorio della Regione Emilia Romagna.

Bollo auto Lazio: riduzioni ed esenzioni

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a gpl o gas metano;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici, o alimentati esclusivamente a GPL o gas metano, o con alimentazione ibrida benzina/elettrica, oppure doppia benzina/idrogeno

Gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Le autovetture e gli autoveicoli ad uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a GPL o gas metano, purché conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di un quarto della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina.

A decorrere dal 2014 Regione Lazio ha disposto l’esenzione temporanea pari a tre anni (36 mesi solari) decorrenti dalla data di immatricolazione per gli autoveicoli di nuova immatricolazione con alimentazione ibrida benzina/elettrica o con alimentazione doppia benzina/idrogeno.

Bollo auto Liguria: riduzioni ed esenzioni

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • veicoli alimentati a benzina e GPL e benzina e gas metano;
  • veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a GPL o gas Metano. Veicoli con alimentazione ibrida;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici, o alimentati esclusivamente a GPL o gas metano. Veicoli con alimentazione ibrida.

Gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Le autovetture e gli autoveicoli ad uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a GPL o gas metano, purché conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di un quarto della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina.

Con Legge Regionale 21 giugno 2016, n. 8 la Liguria ha disposto che le autovetture nuove, immatricolate per la prima volta a decorrere dal 1° gennaio 2016, con alimentazione ibrida benzina-elettrica, inclusiva di alimentazione termica, o con alimentazione benzina-idrogeno oppure gasolio-elettrica, sono esentate dal pagamento della tassa automobilistica regionale per il primo periodo fisso e per i quattro successivi.

Esenzione per i veicoli alimentati a benzina e GPL e benzina e gas metano

Il provvedimento, introdotto dall’articolo 5 della legge regionale numero 9 del 28 aprile 2008 (pubblicata sul Burl numero 4 del 29 aprile 2008), prevede l’esenzione dal pagamento del “primo bollo” e delle successive cinque annualità per i veicoli nuovi a doppia alimentazione a benzina/gpl o a benzina/metano, appartenenti alle categorie internazionali M1 (veicoli a motore progettati e costruiti per il trasporto di persone, con almeno quattro ruote e al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente) e N1 (veicoli a motore progettati e costruiti per il trasporto di merci, con almeno quattro ruote e massa massima non superiore a 3,5 tonnellate), immatricolati per la prima volta dopo il 29 aprile 2008. 

L’articolo 4 della lr n.43 del 24 dicembre 2008 chiarisce che sono da considerarsi veicoli nuovi a doppia alimentazione anche quelli omologati dal costruttore con alimentazione a benzina su cui viene installato e collaudato un sistema di alimentazione a Gpl o a metano precedentemente alla loro immatricolazione e che, sempre a decorrere dal 29 aprile 2008, possono beneficiare della medesima agevolazione.

Sempre a partire dal 29 aprile, è concessa un’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica regionale per cinque annualità, decorrenti dal periodo di imposta successivo a quello durante il quale avviene il collaudo dell’installazione del sistema di alimentazione a gpl o metano (collaudo comunque successivo al 29 aprile 2008), per i veicoli conformi alla direttiva 94/12/CE (Direttive Euro 2 e seguenti) e appartenenti alle categorie internazionali M1 e N1.

L’esenzione per i veicoli nuovi a doppia alimentazione, risultando più favorevole, è da considerarsi sostitutiva a quella concessa per ecoincentivo (limitatamente alla tassa automobilistica) ai sensi del decreto legge numero 248 del 31 dicembre 2007, convertito con modificazioni nella legge numero 31 del 28 febbraio 2008. I contribuenti non sono tenuti a fare alcuna segnalazione, in quanto i dati relativi alle installazioni e collaudi degli impianti vengono inviati e registrati nell’archivio tasse automobilistiche a cura del Dipartimento per i Trasporti terrestri.

Bollo auto Lombardia: riduzioni ed esenzioni

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • ecoincentivi regionali;
  • veicoli storici;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • veicoli onlus;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Ecoincentivi regionali 2019

Regione Lombardia anche per l’anno 2019 ha adottato disposizioni tese ad incentivare il rinnovo del parco veicolare a vantaggio delle autovetture a basso impatto inquinante.

In particolare,  nella Legge Regionale n. 24 del 28 dicembre 2019 (Legge di stabilità regionale per gli anni 2019-2021) sono previste le seguenti agevolazioni: 

1) L’esenzione dal pagamento della tassa auto per il triennio 2019-2021 per chi, nel corso del 2019, acquista (o acquisisce in regime di locazione finanziaria) un’autovettura ad uso privato nuova o usata e, contestualmente, demolisce un veicolo inquinante. Per le auto nuove occorre fare riferimento alla data di immatricolazione, mentre per le usate la data di riferimento è quella dell’atto di acquisto trascritto al P.R.A. (Pubblico Registro Automobilistico).

Il veicolo rottamato deve avere le seguenti caratteristiche:

  • Euro 0,  Euro 1, con alimentazione benzina, qualsiasi cilindrata;
  • Euro 0,  Euro 1, Euro 2,  Euro 3, con alimentazione diesel, qualsiasi cilindrata;
  • autoveicoli a doppia alimentazione benzina/metano o benzina/GPL, omologati all’origine nella classe emissiva Euro 0 oppure EURO 1 a benzina, qualsiasi cilindrata. 

L’autovettura acquistata o acquisita in leasing, nuova di fabbrica o usata, deve appartenere alla categoria M1, di cilindrata non superiore a 2.000 cc, e appartenere alla classe emissiva Euro 5 o Euro 6 con alimentazione bifuel (benzina GPL o benzina/metano), ibrida (benzina/elettrica) o a benzina.

Non sono ammesse al beneficio le autovetture alimentate a gasolio.

Il veicolo oggetto di demolizione deve essere intestato al proprietario/locatario dell’auto nuova o a persona appartenente al suo stesso nucleo familiare. A ciascun veicolo demolito può essere associato l’acquisto di una sola autovettura.

L’immatricolazione, o la trascrizione dell’acquisto in caso di usato, deve avvenire fra il 2 gennaio e il 31 dicembre 2019. Per le auto nuove di fabbrica l’immatricolazione può essere successiva al 31 dicembre 2019, purché il contratto di acquisto con il concessionario risulti perfezionato entro tale data.

Per i veicoli di nuova immatricolazione, l’esenzione decorre dal mese di immatricolazione ed ha validità triennale (36 mesi). Per i veicoli acquistati usati, l’esenzione decorre dal periodo d’imposta successivo a quello in corso alla data dell’atto di acquisto trascritto al P.R.A. o, nel caso di acquisto da un concessionario, dal periodo tributario successivo all’uscita dal regime di sospensione d’imposta.

In caso di vendita dell’autoveicolo, entro il periodo di validità dell’agevolazione, ad un soggetto residente in Lombardia, questi continuerà a beneficiare dell’esenzione.

In caso di vendita a soggetto residente in altra Regione o in caso di trasferimento della residenza dell’intestatario al di fuori della Lombardia, l’esenzione cesserà, a decorrere dal periodo d’imposta successivo, salvo che la Regione di ingresso del veicolo non preveda analoga esenzione.

Il contributo di € 90 per la demolizione di veicoli inquinanti con le caratteristiche tecniche riportate al punto 1), effettuata nel periodo 2 gennaio-31 dicembre 2019. Il veicolo da demolire può appartenere a qualsiasi categoria (autoveicolo, motocarro, autocarro, ecc.) e la data a cui fare riferimento è quella del certificato di presa in carico rilasciato dal centro di raccolta autorizzato alla demolizione. Sono escluse dal beneficio le radiazioni effettuate da soggetti aventi titolo che non abbiano provveduto alla trascrizione della proprietà.

La riduzione del 50% della tassa automobilistica  per cinque anni d’imposta, a decorrere da quello di immatricolazione, per i veicoli appartenenti alle categorie internazionali M1 ed N1 a doppia alimentazione benzina/elettrico compresi i veicoli a ricarica esterna oppure GPL/elettrico, metano/elettrico, immatricolati nuovi di fabbrica per la prima volta a decorrere dal 1° gennaio 2019;

Cumulabilità dei benefici

L’esenzione triennale dal pagamento della tassa automobilistica e la fruizione del beneficio per la demolizione sono cumulabili se i requisiti prescritti sono pienamente rispettati e assorbono, se più favorevoli, la riduzione del 50% della tassa automobilistica per i veicoli a doppia alimentazione benzina/elettrico compresi i veicoli a ricarica esterna oppure GPL/elettrico acquistati nel 2019. Al termine del triennio di esenzioni, è applicata la riduzione del 50% della tassa automobilistica per i residui due anni d’imposta.

L’esenzione permanente dalla tassa automobilistica per i veicoli con alimentazione esclusiva ad idrogeno.

Bollo auto Puglia: esenzioni e riduzioni

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • esenzioni onlus;
  • veicoli elettrici, veicoli alimentati esclusivamente a gpl o metano, veicoli con alimentazione doppia a benzina/gpl o benzina/metano, veicoli a idrogeno;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • veicoli interessati da furto o demolizione;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici, veicoli alimentati esclusivamente a GPL o Metano, veicoli con alimentazione doppia a benzina/GPL o benzina/metano 

Conformemente alle disposizioni statali vigenti su tutti il territorio nazionale, gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Le autovetture e gli autoveicoli ad uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a GPL o gas metano, purché conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di un quarto della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina.

 Nella Regione Puglia i veicoli nuovi appartenenti alle categorie M1 ed N1 con alimentazione esclusiva a metano ed esclusiva a gpl, oppure dotati fin dall’origine di alimentazione doppia a benzina/GPL o a benzina/metano, immatricolati dal 1° gennaio 2013, godono dell’esenzione temporanea per il primo periodo fisso di cui al DM 462/1998 e per le cinque annualità successive.

Regione Puglia ha disposto l’esenzione temporanea per il primo periodo fisso di cui al DM 462/1998 e per le cinque annualità successive, anche per i veicoli nuovi appartenenti alle categorie M1 ed N1 immatricolati dal 1° gennaio 2014 con alimentazione ibrida benzina-elettrica e diesel-elettrica.

Inoltre, con Legge Regionale n.34 del  23 luglio 2019 Regione Puglia ha esteso l’esenzione temporanea ai veicoli alimentati a idrogeno immatricolati per la prima volta dal 1° gennaio 2018. Anche in questo caso l’esenzione riguarda il primo periodo fisso di cui al DM 462/1998 e le cinque annualità successive.

Decorso il periodo di esenzione, i veicoli con alimentazione esclusiva a metano o a gpl, oppure ibrida benzina-elettrica e diesel-elettrica, oppure a idrogeno devono corrispondere la tassa automobilistica ridotta del 75%, mentre per quelli con alimentazione doppia  la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Bollo auto Sicilia

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a gpl, gas Metano, con alimentazione ibrida o a idrogeno;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a gpl, gas Metano, con alimentazione ibrida o a idrogeno

Gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Le autovetture e gli autoveicoli ad uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a GPL o gas metano, purché conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di un quarto della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina.

Inoltre la Regione Siciliana con Legge Regionale 22 febbraio 2019, n. 1 all’articolo 3 ha disposto l’esenzione triennale per i veicoli immatricolati nuovi nel triennio 2019/2021 con alimentazione ibrida elettrica/termica di tipo plug-in, full hybrid e con alimentazione esclusiva a idrogeno. Anche i veicoli immatricolati nel 2019 provenienti da altra Regione o Provincia Autonoma godono dell’esenzione, ma a decorrere dal periodo di competenza della Sicilia limitatamente al periodo residuo dei 36 mesi calcolati dalla data di immatricolazione.

Bollo auto Toscana: riduzioni ed esenzioni

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  1. veicoli storici;
  2. veicoli destinati ai disabili;
  3. esenzioni onlus;
  4. esenzioni dei veicoli delle organizzazioni di volontariato;
  5. esenzioni dei veicoli destinati al servizio antincendio;
  6. veicoli ecologici;
  7. veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  8. veicoli interessati da furto o demolizione;
  9. esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Bollo auto Provincia Trento: riduzioni ed esenzioni

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • esenzioni onlus;
  • veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a gpl o gas metano, con alimentazione doppia e con alimentazione ibrida;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • veicoli interessati da furto o demolizione;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici, a idrogeno o alimentati esclusivamente a GPL o gas metano, con alimentazione doppia e con alimentazione ibrida

Conformemente alle disposizioni statali vigenti su tutti il territorio nazionale gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione.

Le autovetture e gli autoveicoli ad uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a GPL o gas metano, purché conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di un quarto della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina.

Nella Provincia Autonoma di Trento i veicoli con alimentazione esclusiva a metano ed esclusiva a gpl, immatricolati dal 29/12/2010, godono dell’esenzione temporanea quinquennale intesa come 60 mesi solari a decorrere dalla data di immatricolazione. Tale agevolazione è riconosciuta anche alle tipologie di veicoli ad alimentazione esclusivamente elettrica, non ricomprese nell’esenzione statale prevista dall’art.20 del DPR 39/1953. Dal 2013 l’esenzione quinquennale è estesa anche ai veicoli alimentati a idrogeno.

Decorso il quinquennio di esenzione, i veicoli con alimentazione esclusiva a metano o a gpl, devono corrispondere la tassa automobilistica ridotta del 75%.

Per i veicoli elettrici, alla fine del periodo di esenzione, si deve corrispondere la tassa pari ad un quarto per gli autoveicoli, mentre per i rimanenti veicoli elettrici (motocicli, ciclomotori, motocarri, ecc.) la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Con Legge Provinciale n.27 del 27 dicembre 2010 la Provincia Autonoma di Trento ha disposto che i veicoli con sistemi di alimentazione mista metano-benzina, gpl-benzina, elettrico-benzina, nuovi immatricolati dal 29/12/2010 sono esonerati dal pagamento della tassa automobilistica provinciale per il triennio 2011-2013. 

L’agevolazione è riconosciuta ai veicoli dotati di doppia alimentazione fin dall’origine, con esclusione quindi delle installazioni successive all’immatricolazione di sistemi alternativi di alimentazione. Con Legge Provinciale n.18 del 27 dicembre 2011, la Provincia ha esteso l’esenzione in questione ad un quinquennio, inteso come 60 mesi solari a partire dal mese di immatricolazione. L’estensione opera, con effetto retroattivo, anche nei confronti dei veicoli nuovi immatricolati a decorrere dal 29/12/2010.

Bollo auto Umbria: riduzioni ed esenzioni

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • veicoli delle organizzazioni di volontariato;
  • veicoli elettrici, veicoli alimentati esclusivamente a gpl o Metano, veicoli con alimentazione doppia a benzina/gpl o benzina/metano, veicoli con alimentazione ibrida benzina-elettrica e gasolio-elettrica, veicoli a idrogeno;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici, veicoli alimentati esclusivamente a gpl o Metano, veicoli con alimentazione doppia a benzina/gpl o benzina/metano 

Conformemente alle disposizioni statali vigenti su tutti il territorio nazionale, gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Le autovetture e gli autoveicoli ad uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a GPL o gas metano, purché conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di un quarto della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina.

Nella Regione Umbria i veicoli nuovi appartenenti alle categorie M1 ed N1 non superiori a 85 KW con alimentazione esclusiva a metano ed esclusiva a gpl, oppure dotati fin dall’origine di alimentazione doppia a benzina/GPL o a benzina/metano, immatricolati per la prima volta dall’11 aprile 2013 al 31 luglio 2013, godono dell’esenzione temporanea per il primo periodo fisso di cui al DM 462/1998 e per le due annualità successive.

Analoga esenzione è riconosciuta agli autoveicoli nuovi immatricolati per la prima volta dall’11 aprile 2013 al 31 luglio 2013 con le seguenti alimentazioni (non rileva la potenza del veicolo): idrogeno, ibrida benzina/elettrica, ibrida gasolio/elettrica.

Con Legge Regionale n.5 del 5/4/2014 anche ai veicoli nuovi immatricolati per la prima volta dal 6 aprile 2014 al 31 dicembre 2015 con le seguenti alimentazioni (non rileva la potenza del veicolo): idrogeno, ibrida benzina/elettrica, ibrida gasolio/elettrica, è riconosciuta l’esenzione temporanea per il primo periodo fisso di cui al DM 462/1998 e per le due annualità successive.

Con Legge Regionale n.3 dell’8/4/2016, modificata dalla Legge Regionale n.9 del 28/7/2016, la Regione Umbria ha nuovamente disposto l’esenzione temporanea per i veicoli nuovi immatricolati per la prima volta in Italia da soggetti residenti in Umbria dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2017 con alimentazioni: idrogeno, ibrida benzina/elettrica, ibrida gasolio/elettrica. L’ esenzione è riconosciuta per il primo periodo fisso di cui al DM 462/1998 e per le due annualità successive.

Decorso il periodo di esenzione, i veicoli con alimentazione esclusiva a metano o a gpl devono corrispondere la tassa automobilistica ridotta del 75%, mentre per quelli con alimentazione doppia o  ibrida la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Bollo auto Valle d’Aosta

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a gpl o gas Metano, o con alimentazione ibrida elettrico/termica, o a idrogeno;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a gpl o gas metano, o con alimentazione ibrida elettrico/termica, o a idrogeno

Gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data del collaudo; alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Le autovetture e gli autoveicoli ad uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a GPL o gas metano, purché conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di un quarto della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina. 

Per le autovetture ed i veicoli per il trasporto promiscuo omologati dal costruttore o a seguito di installazione successiva, con alimentazione, esclusiva o doppia elettrica, a gas metano, GPL e idrogeno, la tassazione è determinata, fatte salve le ulteriori agevolazioni in vigore, in base alla potenza massima espressa in KW per il valore annuo pari ad euro 2,58 (per KW) o euro 1,90 (per CV) a prescindere dalla direttiva CEE riportata sulla carta di circolazione.

La Regione Autonoma della Valle d’Aosta all’art.28 della Legge Regionale n.24 del 21 dicembre 2016 ha disposto che i veicoli nuovi immatricolati a partire dal 1° gennaio 2017 e sino al 31 dicembre 2019, appartenenti alle categorie internazionali M1 e N1, alimentati con tecnologia ibrida a doppia alimentazione elettrica/termica ovvero ad alimentazione esclusiva a idrogeno, sono esentati dal pagamento della tassa automobilistica per il primo periodo fisso di cui all’articolo 2 del decreto del Ministro delle finanze 18 novembre 1998, n. 462 e per le quattro annualità successive. Per i veicoli provenienti da altra Regione o Provincia autonoma, l’esenzione opera limitatamente al periodo residuo che intercorre tra la data di entrata in Regione e il termine dell’ultima annualità esente.

L’esenzione permane, in quanto collegata ai veicoli di cui al comma 1, anche nel caso di passaggio di proprietà nel territorio della Regione. Qualora l’intestatario del veicolo sia soggetto passivo per un debito d’imposta relativo alle tasse automobilistiche e oggetto di avviso di accertamento, l’esenzione è revocata a far data dal giorno di emissione dell’atto impositivo.

Bollo auto Piemonte: bollo auto gratis per tre anni

Tutti i possessori di un veicolo Euro 0,1,2 che acquisteranno un’auto Euro 6 (sotto i 100 kW) possono beneficiare, dal 1° gennaio 2020, dell’esenzione sul bollo per tre anni a patto che risiedano in Piemonte. Sono le misure portanti introdotte dalla giunta regionale piemontese nella legge di stabilità 2020. 

Campania: riduzioni ed esenzioni bollo auto

I benefici fiscali previsti in materia di bollo auto si realizzano attraverso una riduzione della tariffa o una esenzione completa dal pagamento della tassa e possono riguardare numerose tipologie di veicoli:

  • veicoli storici con almeno 30 anni di immatricolazione;
  • veicoli destinati ai disabili;
  • veicoli elettrici o alimentati esclusivamente a GPL o gas Metano;
  • veicoli consegnati ai concessionari per la rivendita;
  • esenzione per esportazione temporanea extra-comunitaria.

Riduzioni ed esenzioni per veicoli elettrici, o alimentati esclusivamente a GPL o gas metano, o con alimentazione ibrida benzina/elettrica, oppure doppia benzina/idrogeno

Gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, azionati con motore elettrico, godono dell’esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, per gli autoveicoli elettrici si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.

Le autovetture e gli autoveicoli ad uso promiscuo omologati per la circolazione esclusivamente con alimentazione a GPL o gas metano, purché conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, sono soggetti al pagamento di un quarto della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina.

A decorrere dall’anno 2014, i proprietari di autoveicoli con alimentazione ibrida benzina-elettrica, inclusiva di alimentazione termica, o con alimentazione benzina-idrogeno, immatricolati per la prima volta sono esentati dal pagamento della tassa automobilistica regionale dovuta per il primo periodo fisso e per le due annualità successive.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube