Politica | News

Manovra: ecco cosa vuole l’Europa dall’Italia

20 Novembre 2019
Manovra: ecco cosa vuole l’Europa dall’Italia

La Commissione Ue boccia la legge di Bilancio 2020  per i rischi di sforamento dei parametri e di aumento del debito; ma non c’è uno stop, la manovra va avanti.

Oggi la Commissione Ue boccia la manovra finanziaria presentata dall’Italia e anche quella di altri Stati europei, tra cui Francia e Spagna. Si tratta di vedere subito perché questo è accaduto e dunque cosa vuole l’Europa adesso dall’Italia. La risposta non è difficile: si tratta, ancora una volta, del debito pubblico, che resta troppo elevato e che a giudizio di Bruxelles rischia di compromettere la tenuta dei bilanci.

E proprio quello italiano è apparso sul filo del rasoio, con una legge di bilancio 2020 che, per evitare l’aumento dell’Iva e per non introdurre (troppe) nuove tasse e microtasse, ha finanziato il fabbisogno con oltre 20 miliardi di deficit. Troppi, per l’Unione Europea, che infatti oggi lo dice espressamente, quando parla del “rischio di non conformità con il patto di Stabilità e crescita nel 2020″ e quando osserva che “potrebbe comportare una deviazione significativa dai percorsi di aggiustamento verso l’obiettivo di bilancio a medio termine” e infine esce allo scoperto quando ravvisa “l’inosservanza del parametro di riduzione del debito“.

Insomma l’Italia non si sta comportando bene perché non rispetterebbe i modelli di comportamento comunitari e in particolar modo i severi vincoli imposti dall’Unione. Ci dicono, in estrema sintesi, che c’è il rischio di sforamento dai parametri; per questo la prossima legge di Bilancio non va bene. Nonostante questo, però, la nostra manovra – almeno per ora – passa: le bocciature comunitarie hanno questo di particolare, che non sono secche ma lasciano un margine di tempo ed uno spazio di movimento per adeguarsi.

Nel nostro caso, siamo rimandati, ma non a settembre come a scuola: la prossima verifica sarà a primavera prossima, dunque a manovra finanziaria ormai approvata e vigente, nonostante la bocciatura. La scommessa è se saremo capaci o no di ridurre il debito, come l’Europa ci chiede. In quel momento, il giudizio sarà più compiuto: avremo infatti non solo i dati previsionali e di stima, come adesso, ma i dati definitivi sul 2019 e le prime notizie su come la legge di Bilancio 2020 starà andando.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube