Business | Articoli

Cambia la visura camerale del Registro Imprese

3 Marzo 2014
Cambia la visura camerale del Registro Imprese

Debutta il Qr code contro la contraffazione del documento che consentirà anche il recupero da tablet, smartphone e pc.

Da questo mercoledì cambiano le visure camerali: il documento che mostra la situazione giuridica e le principali informazioni economiche delle aziende iscritte presso il Registro imprese diventerò ancora più chiaro e semplice da consultare.

Viene innanzitutto modificata la grafica: la prima pagina sarà più fruibile e conterrà le principali informazioni dell’azienda, i dati anagrafici ed economici, quelli sull’attività e un riepilogo dei documenti disponibili e delle certificazioni ottenute.

L’indice navigabile consente poi di accedere alle informazioni da approfondire e di ottenere una sintesi dei principali dati.

Debutterà il Qr code: il codice sarà collocato nella prima pagina e potrà essere letto con l’app “Ri Qr code”, realizzata da InfoCamere. Esso garantirà l’autenticità del documento in possesso con quello archiviato dal Registro imprese al momento dell’estrazione; inoltre permetterà di recuperare l’originale da smartphone, tablet e pc.

Ricordiamo che il Registro delle Imprese contiene le informazioni relative a più di 10 milioni di persone fisiche che svolgono, o hanno svolto, un’attività imprenditoriale oppure ricoprono una posizione di amministratore, socio, sindaco o dirigente. Le imprese registrate sono oltre sei milioni e ogni anno vengono depositati circa 900mila bilanci.

Il tutto è facilmente consultabile in maniera integrale sul portale (www.registroimprese.it) da cui è possibile impostare degli alert: un aiuto per essere sempre informati sulle modifiche delle aziende d’interesse. È anche possibile visualizzare sulle Google maps una o più imprese selezionate con criteri dimensionali o geografici. Il portale offre una serie di preziosi strumenti di conoscenza e lavoro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube