Precedenti penali nascosti con falsa identità

21 Novembre 2019
Precedenti penali nascosti con falsa identità

Alterando la propria data di nascita riusciva a eludere i controlli pubblici sulle gare d’appalto cui partecipava: arrestato nell’operazione Alter Ego.

A volte basta poco per farla franca, anche un semplice trucco come un “ritocchino” su un documento; ma non funziona per sempre e arriva la scoperta. Per la legge italiana si chiama falso, e quando si inganna qualcuno diventa anche truffa.

Stamattina la Guardia di Finanza, in un’operazione coordinata dalla Procura di Roma, ha eseguito 20 ordinanze cautelari, arrestando imprenditori e pubblici dipendenti per i reati di corruzione, turbativa d’asta e falso nell’aggiudicazione di appalti pubblici.

Ma la notizia interessante è emersa in conferenza stampa, seguita dalla nostra agenzia stampa Adnkronos, che ha spiegato i particolari dell’indagine, battezzata “Alter Ego” e vediamo subito il perché: tra gli arrestati c’è un imprenditore romano che già era noto per precedenti analoghi, il quale, per aggiudicarsi le gare d’appalto, che altrimenti gli sarebbero state precluse per i suoi precedenti penali, utilizzava un ingegnoso espediente.

L’uomo era nato nel 1955, e aveva truccato i documenti di riconoscimento per acquisire una nuova identità: gli è bastato falsificare l’anno di nascita, sostituendo l’ultima cifra e facendolo così diventare 1951. In questo modo, è riuscito ad ingannare i pubblici funzionari che effettuavano i controlli sul casellario giudiziale e sui carichi pendenti: con quei dati anagrafici il risultato che usciva era sempre “pulito” e l’imprenditore veniva ammesso a partecipare alle gare.

Un trucco che però non è durato a lungo: le indagini lo hanno scoperto e ora per l’uomo alle accuse sugli appalti truccati si è aggiunta un’ulteriore imputazione, quella per truffa perpetrata mediante induzione in errore dei pubblici funzionari. Stavolta non ci sono dubbi, il provvedimento è arrivato con la sua identità vera e adesso l’imprenditore si trova in carcere.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube