Cronaca | News

La Madonna dei Carabinieri festeggiata in tutta Italia

21 Novembre 2019
La Madonna dei Carabinieri festeggiata in tutta Italia

Virgo Fidelis: è la patrona dell’Arma, celebrata oggi nell’anniversario di una battaglia della seconda guerra mondiale dove molti Carabinieri persero la vita.

Da Torino a Napoli, da Trieste a Palermo oggi è un susseguirsi di celebrazioni per la Madonna dei Carabinieri: la patrona dell’Arma è Maria Virgo Fidelis, chiamata così per abbinarsi al motto “Nei secoli fedele”, e il suo culto è molto partecipato tra gli appartenenti alla forza armata e le loro famiglie.

La festa si celebra oggi, in occasione dell’anniversario della battaglia di Culqualber avvenuta durante la seconda guerra mondiale, nel 1941, durante la campagna d’Africa e nella quale un battaglione di Carabinieri perse la vita sacrificandosi nella difesa del caposaldo.

Per questo, la ricorrenza è abbinata con il ricordo dei caduti, in tempo di guerra e nelle missioni di pace o nello svolgimento del servizio quotidiano: Carabinieri che hanno saputo tenere fede al giuramento prestato fino all’estremo sacrificio. Oggi, è anche la Giornata dell’Orfano, e nell’occasione il Comando ha voluto premiare con borse di studio i figli dei carabinieri scomparsi che si sono maggiormente distinti nel rendimento scolastico.

La Virgo Fidelis è stata proclamata patrona dell’Arma pochi anni dopo la fine della guerra, nel 1949; oggi dunque è il 78° anniversario della battaglia ed anche il 70° anniversario della proclamazione. Per l’occasione, è stato emesso un francobollo celebrativo.

Per commemorare i caduti, il Comandante generale Giovanni Nistri ha deposto una corona d’alloro nel sacrario; è stata poi celebrata una messa solenne a Roma, ma analoghe celebrazioni si sono svolte presso tutti i comandi provinciali d’Italia.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube