Diritto e Fisco | Articoli

Ad agosto “chiudono i tribunali”: cos’è la “Sospensione feriale”

23 luglio 2013


Ad agosto “chiudono i tribunali”: cos’è la “Sospensione feriale”

> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 luglio 2013



Tutte le volte in cui opera la sospensione dei termini processuali e delle udienze, il calendario del tribunale cancella dal calendario i giorni che vanno dal 1 agosto al 15 settembre.

 

Alcune cause, tra agosto e metà settembre, non si tengono. Comunemente si dice che i tribunali “chiudono”: si tratta di un concetto risaputo, ma anche piuttosto approssimativo. In realtà, non è così. Non si tengono solo le udienze di alcune tipologie di cause (in genere quelle ordinarie). Per tutte le altre cause, invece, le aule continuano a funzionare.

Questo periodo di “sospensione” va dal 1° agosto al 15 settembre (compresi) di ciascun anno.

Durante tale arco di tempo, si verificano, dunque, due effetti importanti:

Le cause e le udienze

1) i giudici che devono rinviare la causa a una determinata udienza, non possono rinviarla in un giorno compreso entro tale forbice.

In generale, e salvo quanto meglio precisato nello schema a fine articolo, possiamo dire che non si tengono le udienze di tutte le cause ordinarie (per es.: risarcimento del danno, incidenti stradali, recupero crediti, responsabilità medica, ecc.). Al contrario, per alcuni i procedimenti speciali e per quelli particolarmente urgenti, la sospensione non si verifica (per es.: le cause di lavoro, il ricorso cautelare all’art. 700, le opposizioni agli atti esecutivi, cause relative ad alimenti, ecc.).

Il calcolo dei termini processuali

– i cosiddetti “termini processuali”, ossia il conteggio dei giorni entro cui esercitare una facoltà processuale (per esempio, il deposito di note, il termine per proporre appello, ecc.) si sospendono. Che significa? È come se, sul calendario del tribunale, i giorni che vanno dal 1° agosto al 15 settembre non esistessero.

Per esempio: se il giudice assegna alle parti un termine di 30 giorni per depositare le note e lo fa il 26 luglio, il termine per il deposito scadrà il giorno 11 ottobre (27, 28, 29, 30 e 31 luglio, dal 16 al 30 settembre, dal 1° all’11 ottobre = in totale 30 giorni).

Se il 16 settembre festivo è il giorno di scadenza, il termine viene prorogato al primo giorno seguente non festivo.

La sospensione feriale dei termini si riferisce, in genere, solo a quelli processuali e non invece ai termini sostanziali estranei alla fase processuale come la prescrizione o la decadenza dall’esercitare un diritto o un’azione.

Ad esempio: la richiesta per ottenere il risarcimento dei danni prodotti dalla circolazione di un veicolo può essere esercitata nel termine di prescrizione di 2 anni, senza il computo dei periodi di sospensione feriale; perciò, se l’incidente si è verificato il 1 gennaio 2008, la richiesta potrà essere presentata entro il 1 gennaio 2010.

La presenza di un grave pregiudizio

La sospensione feriale non si applica, in generale, in tutte le cause in cui la ritardata trattazione potrebbe produrre un grave pregiudizio alle parti. In questi casi, l’attore o il ricorrente devono fare la dichiarazione di urgenza in calce all’atto introduttivo del procedimento (citazione o ricorso) ed il Presidente del tribunale dispone che la causa sia trattata con urgenza anche durante il periodo feriale.

Oltre ai casi di particolare urgenza vi sono procedimenti che, in considerazione della loro natura, non sono soggetti alla sospensione feriale dei termini sia per espressa disposizione di legge, sia in base a ripetute pronunce giurisprudenziali.

Eccoli riassunti tutti in questo schema

Procedimenti / Termini                                                      Applicazione sospensione

Cause ordinarie                                                                 Si

Esecuzione

Opposizione all’esecuzione forzata                                    No

Opposizione agli atti esecutivi                                            No

Termine di efficacia del precetto                                       No

Termine di efficacia del pignoramento                             Si

Opposizione a precetto cambiario                                     No

Procedimenti speciali

Procedimenti cautelari, solo per la fase sommaria          No

Convalida di sfratto solo nella fase sommaria                  No

Procedimento di sfratto, nella fase di merito                   Si

Procedura fallimentare

Cause sulla dichiarazione o revoca di fallimento             No

Giudizi di opposizione allo stato passivo                           No

Lavoro e locazione

Cause in materia di lavoro                                                  No

Cause in materia di previdenza e assistenza                    No

Cause in materia di locazione di immobili urbani            Si

Termine annuale di decadenza dall’impugnazione         No

Ricorso per decreto ingiuntivo

Termine per la notifica del decreto ingiuntivo                 Si

Termine per l’opposizione al decreto ingiuntivo             Si

Sanzioni amministrative

Termine per la notifica dei verbali di accertamento

delle infrazioni al codice della strada                                No

Termine per impugnare il verbale davanti al giudice     Si

Famiglia

Cause relative ad alimenti                                                  No

Cause sull’assegno di divorzio                                            Si

Termine per il disconoscimento della paternità              Si

Societario

Termine per l’annullamento delle delibere                     Si

Termine per l’impugnazione della delibera di

esclusione del socio di cooperativa                                    Si

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Il comune in data 25 luglio 2014 emette provvedimento in sanatoria ai sensi della legge 724/94 per opere edilizie abusive, costituite da un muro in lapil-cemento con sovrastante rete metallica per richiesta di un costruttore che ha presentato istanza in sanatoria in data 31.03.1995 a seguito di ordinanza di demolizione emessa dal comune in data 31.12.1991: il ricorso al giudice amministrativo da emettere entro i 60 giorni dalla data del 25 luglio 2014 deve tener presente della chiusura estiva del tribunale dal 15 agosto al 15 settembre 2014.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI