Cronaca | News

Ecco come sta Berlusconi

23 Novembre 2019 | Autore:
Ecco come sta Berlusconi

L’ex premier resta ancora in clinica dopo la caduta a Zagabria. Ma le dimissioni sono ormai pronte. L’ex Cav telefona ai forzisti: «Sto bene, nulla di rotto».

Nulla di rotto, umore alle stelle e dimissioni imminenti (dalla clinica). Anche questa volta, e per fortuna, Silvio Berlusconi sorprende tutti e, ai suoi 83 anni suonati, reagisce ad una caduta come Totò nei panni di un sindaco autoritario nel film “Il terzo uomo”: «Cascasse il mondo, io faccio così (togliendosi la polvere dalle spalle) e tiro avanti per la mia strada». Dopo la caduta alla riunione del Ppe a Zagabria ed il successivo ricovero alla Madonnina di Milano, quali sono le condizioni di salute di Berlusconi?

Ne parla il fratello Paolo, che – come informa la nostra agenzia Adnkronos – lo ha incontrato in clinica questa mattina per un’oretta circa: «Sta bene, sta bene, pericolo scampato. L’importante è che non ci siano state fratture, ne approfitta per riposare un po’».

Poco dopo, è stato lo stesso ex presidente del Consiglio a rassicurare la platea con un saluto telefonico ai sostenitori di Forza Italia, riuniti in manifestazione a Bologna per la campagna elettorale delle elezioni regionali in Emilia Romagna. «Sto bene, non c’è nulla di rotto, un saluto a tutti», ha detto l’inossidabile Berlusconi.

Per quanto ne avrà? Anche su questo l’ex Cavaliere sorprende tutti, vista l’età e considerato che era finito per terra soltanto l’altro ieri: domani, domenica, potrà tornare nella sua villa di Arcore. La casa di cura milanese ha praticamente pronte le dimissioni.

Il timore, in un primo momento, è che si fosse rotto il femore. Ma poi, dopo tutti gli accertamenti del caso, ogni dubbio era stato fugato. Una contusione all’anca con ematoma rimediata dopo una caduta a Zagabria in occasione del Congresso nazionale del Ppe. Berlusconi era stato riportato in Italia, come da programma, alla fine del vertice con un aereo privato della Fininvest per sottoporsi ad esami medici nella clinica La Madonnina di Milano. Al termine dello screening, accertata l’assenza di fratture ossee, i medici avevano deciso di trattenerlo per una notte per precauzione. Una sola notte sono, poi, diventate tre per sicurezza.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA