Politica | News

Ecco cosa succederà ai migranti in arrivo in Italia

24 Novembre 2019
Ecco cosa succederà ai migranti in arrivo in Italia

Di Maio: «Tema molto sentito dall’opinione pubblica, ci lavoro dal primo giorno».

Il ministro Luigi Di Maio intervenendo al Consiglio comunale di Licata (Agrigento), rispondendo ad alcuni consiglieri comunali, ha ricordato che «Quella sugli immigrati è una questione fondamentale. Da ministro degli Esteri ci sto lavorando dal primo giorno. Questo è un tema molto sentito dall’opinione pubblica e l’Italia non deve restare sola”.

In una nota che La Legge per Tutti ha appena ricevuto dall’agenzia di stampa Adnkronos, Di Maio afferma che «Abbiamo dichiarato nei giorni scorsi, con nuovi decreti, paese sicuro alcuni paesi del Mediterraneo perché in questo modo quando queste persone arrivano qui noi possiamo dire in quattro mesi e non più in due anni se possono stare qui, nella maggioranza dei casi devono tornare indietro perché non hanno i requisiti».

«Idem dopo il vertice della Valletta abbiamo sancito che chiunque arrivi in Italia debba essere ridistribuito. Adesso abbiamo il caso di una di queste navi che stanno arrivando e la ridistribuzione permette a queste persone di andare negli altri paesi europei. Sono d’accordo che non possiamo farlo da soli».


2 Commenti

  1. Devono tornare indietro? e come fai? Li prendi per le orecchie uno ad uno e li riporti in Africa? ma facci il piacere! Non bisogna farli arrivare, con qualsiasi metodo. Punto.

  2. il vertice della <valletta sula ridistribuzione dei migranti e un bella bufala sono andati la a fare una belle gita , gli altri stati se ne fregano di noi e l italia rimane col cerino aceso in mano che a noi costa la bellezza di 5 migliardi l anno che paghiamo noi italiani .

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA