L’esperto | Articoli

Prescrizione tassa automobilistica: ultime sentenze

17 Giugno 2022
Prescrizione tassa automobilistica: ultime sentenze

Tassa automobilistica e decorso del termine di prescrizione triennale per la riscossione; opposizione alla cartella di pagamento.

Preavviso di fermo

In tema di contenzioso tributario, qualsiasi eccezione relativa a un atto impositivo divenuto definitivo, come quella di prescrizione del credito fiscale maturato precedentemente alla notifica di tale atto, è assolutamente preclusa, secondo il fermo principio della non impugnabilità se non per vizi propri di un atto successivo ad altro divenuto definitivo perché rimasto incontestato. Ne consegue che il preavviso di fermo che faccia seguito a un atto impositivo divenuto definitivo per mancata impugnazione, non integrando un nuovo e autonomo atto impositivo, è sindacabile in giudizio solo per vizi propri e non per questioni attinenti all’atto da cui è sorto il debito.

(In applicazione di tali principi, la Corte ha rigettato il motivo di ricorso con il quale il contribuente, avendo impugnato un preavviso di fermo, preceduto da una non impugnata cartella di pagamento della quale era stata accertata la regolare notificazione, aveva lamentato la violazione e falsa applicazione dell’art. 5, comma 51, del d.l. n. 953 del 1982, conv. con modif. dalla legge n. 53 del 1983, circa la prescrizione triennale della tassa automobilistica, deducendo che tale prescrizione era maturata ancor prima della notificazione della cartella di pagamento).

Cassazione civile sez. trib., 29/11/2021, n.37259

Prescrizione della tassa automobilistica

In materia di tassa automobilistica, l’art. 5, D.L. 30 dicembre 1982, n. 953, dispone che l’azione dell’Amministrazione finanziaria per il recupero delle tasse dovute dal gennaio 1983 per effetto dell’iscrizione di veicoli o autoscafi nei pubblici registri e delle relative penalità, si prescrive con il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento, posto che il raggiungimento della prescrizione dopo tre anni vieta alle Regioni di prorogare il termine con proprie leggi.

Comm. trib. reg. Torino, (Piemonte) sez. V, 29/07/2021, n.634

Imposta addizionale erariale della tassa automobilistica

L’art 16 d.l. n. 201/2011, convertito nella legge n. 214/2011, ha introdotto, tra l’altro, l’imposta addizionale erariale della tassa automobilistica (cosiddetto superbollo), quale prelievo che riguarda i possessori di autovetture e autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose con potenza superiore ad una determinata soglia. Se si tratta, come è , di imposta addizionale, questa si distingue dalla tassa automobilistica, sia per natura che per struttura e funzione. Infatti, mentre il bollo auto è un tributo locale il cui versamento è a favore delle Regioni con previsione esplicita di un termine triennale di decadenza per il recupero del tributo in caso di omesso versamento, tuttavia, nulla è stato precisato circa termini di prescrizione o decadenza per il recupero dell’imposta addizionale non versata.

Detto termine, in assenza di una specifica disposizione non può, in via analogica, essere parificato a quello previsto per le tasse automobilistiche, stante la palese diversità tra i due tributi, ma va individuato nel termine decadenziale breve quinquennale previsto dall’art. 2948 n.4 c.c. per tutto ciò che deve pagarsi ad anno o con cadenze più brevi dovendosi escludere il termine lungo decennale per la mancanza di attitudine della cartella ad acquisire efficacia di giudicato.

Comm. trib. prov.le Como sez. I, 14/04/2021, n.80

Riscossione della tassa automobilistica

La riscossione della tassa automobilistica si prescrive nel termine di tre anni, il cui decorso viene interrotto dalla notifica di atti contenente la pretesa.

Comm. trib. prov.le Mantova sez. II, 26/03/2021, n.76

Diritto di recupero della tassa

In materia di Tassa automobilistica ai sensi del d.l. 953/1982, il diritto di recupero della tassa risulta essere di tre anni sia per l’attività di accertamento sia per quella di riscossione, come confermato da vari pronunciamenti giurisprudenziali. Pertanto, quand’anche gli atti prodromici, ovvero le cartelle di pagamento, siano notificati entro i termini prescrizionali, qualora successivamente non intervenga alcun atto interruttivo entro il termine triennale, il debito risulta prescritto.

Comm. trib. prov.le Pavia sez. III, 09/02/2021, n.61

Riscossione tassa automobilistica: termine triennale di prescrizione

In tema di tassa automobilistica, il termine triennale di prescrizione per la sua riscossione, previsto dall’art. 5, comma 51, del d.l. n. 953 del 1982, conv., con modif., in l. n. 53 del 1983, decorre dall’anno in cui doveva essere effettuato il pagamento e non è interrotto dall’iscrizione a ruolo del tributo da parte dell’Amministrazione finanziaria il quale, essendo mero atto interno, è inidoneo a costituire in mora il debitore; peraltro, in sede processuale, l’allegazione dell’interruzione della prescrizione da parte dell’Ufficio rappresenta una mera difesa (o eccezione in senso improprio) che deve essere oggetto di adeguata prova.

Cassazione civile sez. trib., 23/10/2020, n.23261

Mancata impugnazione della cartella nei termini di legge

Il principio di carattere generale secondo cui la mancata opposizione della cartella di pagamento nei termini, pur generando la irretrattabilità del credito, non determina la cd. “conversione” del termine di prescrizione da breve (3 anni) a ordinario (10 anni) art.2953 c.c., trova applicazione anche per la riscossione della tassa automobilistica.

Tale tassa resta soggetta a termine prescrizionale triennale, per effetto di quanto stabilito dall’art.5 D. L. n.953 del 1982, convertito, con modificazioni, dalla L. n.53 del 1983 e modificato dall’art.3 del D. L. n.2 del 1986 convertito, con modificazioni dalla L. n.60 del 1986, anche in caso di mancata impugnazione della cartella nei termini, non comportando l’applicabilità del termine ordinario di prescrizione in ordine al successivo preavviso di fermo amministrativo e/o di intimazione di pagamento.

Comm. trib. reg. Campobasso, (Molise) sez. II, 06/07/2020, n.227

Mancata impugnazione della cartella

Nel caso della riscossione della tassa automobilistica, la mancata impugnazione della cartella nei termini non comporta l’applicabilità del termine ordinario di prescrizione in ordine alla successiva notifica dell’intimazione di pagamento.

Comm. trib. reg. Bari, (Puglia) sez. V, 28/07/2020, n.1472

Riscossione della tassa automobilistica

In tema di tassa automobilistica, il decorso del termine di prescrizione triennale per la riscossione, previsto dall’art. 5, comma 51, del D.L. n. 953/1982, come convertito nella Legge n. 53/1983, non è interrotto dalla sola iscrizione a ruolo del tributo da parte dell’Amministrazione finanziaria, in quanto tale procedura si sviluppa tutta all’interno di quest’ultima.

Pertanto, in virtù del fatto che, ai sensi dell’art. 2943 c.c., l’effetto interruttivo della prescrizione si produce solo in forza di un atto che valga a costituire in mora il debitore, l’iscrizione a ruolo è inidonea a produrre effetti nella sfera giuridica del destinatario della pretesa.

Il termine entro il quale l’Amministrazione finanziaria può far valere l’obbligazione tributaria nascente dal pagamento del bollo è quindi di natura prescrizionale (e non decadenziale), in quanto risponde ad un’esigenza che intende escludere che il debitore possa trovarsi in una situazione di incertezza in una materia ispirata al principio di legalità, al quale sono tenuti a uniformarsi sia l’Amministrazione finanziaria che l’agente della riscossione.

Non rilevano in tal senso, ingiustificati ritardi derivanti da disfunzioni burocratiche o artificiose protrazioni nello svolgimento dei compiti assegnati all’Amministrazione o agli organi della notificazione. L’interruzione della prescrizione, infatti, è un atto che deve giungere nella sfera legale di conoscenza del contribuente entro il termine previsto dalla legge e non rileva nemmeno l’epoca, eventualmente antecedente, in cui l’atto sia stato affidato all’ufficiale giudiziario o all’ufficio postale per la notifica.

Comm. trib. reg. Campobasso, (Molise) sez. I, 19/04/2018, n.212

L’irretrattabilità del credito

La scadenza del termine perentorio sancito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo o comunque di riscossione coattiva, produce soltanto l’effetto sostanziale dell’irretrattabilità del credito, ma non anche la c.d. “conversione” del termine di prescrizione breve eventualmente previsto in quello ordinario decennale, ai sensi dell’art. 2953 c.c..

Tale principio si applica con riguardo a tutti gli atti, di modo che, ove per i relativi crediti sia prevista una prescrizione più breve di quella ordinaria, la sola scadenza del termine concesso al debitore per proporre l’opposizione, non consente di fare applicazione dell’art. 2953 c.c., tranne che in presenza di un titolo giudiziale divenuto definitivo.

In ordine alla riscossione della tassa automobilistica, soggetta a termine di prescrizione triennale, per effetto di quanto stabilito dall’art. 5, comma 51, D.L. n. 953/1982, come convertito con modifiche dalla Legge n. 53/1983 e modificato dall’art. 3 del D.L. n. 2/1986, come convertito con modifiche dalla Legge n. 60/1986, la mancata impugnazione della cartella nei termini non comporta l’applicabilità del temine ordinario di prescrizione relativamente alla successiva notifica dell’intimazione di pagamento.

Comm. trib. prov.le Salerno sez. III, 08/02/2018, n.417

Opposizione e impugnazione dell’atto di riscossione

La scadenza del termine perentorio sancito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo o comunque di riscossione coattiva, produce soltanto l’effetto sostanziale dell’irretrattabilità del credito, ma non anche la c.d. “conversione” del termine di prescrizione breve eventualmente previsto in quello ordinario decennale, ai sensi dell’art. 2953 c.c., si applica con riguardo a tutti gli atti di riscossione mediante ruolo e, pertanto, anche all’avviso di intimazione di pagamento di tassa automobilistica.

Comm. trib. prov.le Napoli sez. XXXIV, 13/12/2018, n.16961

Riscossione bollo auto: prescrizione breve

Il principio di carattere generale, secondo cui la scadenza del termine perentorio sancito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo o comunque di riscossione coattiva, produce soltanto l’effetto sostanziale dell’irretrattabilità del credito, ma non anche la c.d. “conversione” del termine di prescrizione breve eventualmente previsto in quello ordinario decennale, ai sensi dell’art. 2953 c.c., si applica con riguardo a tutti gli atti di riscossione mediante ruolo e, pertanto, anche all’avviso di intimazione di pagamento di tassa automobilistica.

Cassazione civile sez. VI, 25/08/2017, n.20425

Tassa automobilistica: avvisi di accertamento

Il credito erariale per la riscossione della tassa automobilistica, a seguito di accertamento divenuto definitivo per mancata impugnazione o sulla base di sentenza passata in giudicato, è soggetto al termine di prescrizione decennale di cui all’art. 2946 cod. civ., in quanto, trattandosi di credito fiscale consolidatosi a seguito dell’omessa impugnazione degli atti impositivi, la prestazione tributaria, attesa l’autonomia dei singoli periodi d’imposta e delle relative obbligazioni, non può considerarsi una prestazione periodica, derivando il debito, anno per anno, da una nuova ed autonoma valutazione in ordine alla sussistenza dei presupposti impositivi.

Comm. trib. reg. L’Aquila, (Abruzzo) sez. I, 11/07/2017, n.686

La prescrizione del credito erariale

La decorrenza della prescrizione triennale del credito erariale, avente ad oggetto il pagamento della tassa di circolazione dei veicoli, si ha non dalla scadenza del termine sancito per il pagamento ma dall’inizio dell’anno successivo, ex art. 3 del D.L. n. 2 del 1986. Vale invece il termine di prescrizione decennale in relazione al credito erariale per la riscossione della tassa automobilistica a seguito di accertamento divenuto definitivo.

Comm. trib. prov.le Brescia sez. V, 03/05/2017, n.295

Tassa automobilistica: l’accertamento definitivo

Il credito erariale per la riscossione della tassa automobilistica, a seguito di accertamento divenuto definitivo per mancata impugnazione o sulla base di sentenza passata in giudicato, è soggetto al termine di prescrizione decennale di cui all’art. 2946 cod. civ., in quanto, trattandosi di credito fiscale consolidatosi a seguito dell’omessa impugnazione degli atti impositivi, la prestazione tributaria, attesa l’autonomia dei singoli periodi d’imposta e delle relative obbligazioni, non può considerarsi una prestazione periodica, derivando il debito, anno per anno, da una nuova ed autonoma valutazione in ordine alla sussistenza dei presupposti impositivi.

Cassazione civile sez. VI, 15/01/2014, n.701

Interruzione della prescrizione 

La mancata indicazione del responsabile del procedimento non costituisce vizio dell’atto, ma irregolarità sanata, per il raggiungimento dello scopo, quando l’interessato abbia proposto ricorso nei confronti del soggetto legittimato, sicché nessuna lesione del diritto di difesa si è in concreto verificata. Non è idoneo ad interrompere la prescrizione del diritto di accertare la tassa automobilistica un avviso di accertamento notificato al contribuente in un luogo diverso da quello di sua effettiva residenza.

Comm. trib. reg. Bari sez. XV, 02/12/2009, n.80

Prescrizione del diritto di accertare la tassa automobilistica

La mancata indicazione del responsabile del procedimento non costituisce vizio dell’atto, ma irregolarità sanata, per il raggiungimento dello scopo, quando l’interessato abbia proposto ricorso nei confronti del soggetto legittimato, sicché nessuna lesione del diritto di difesa si è in concreto verificata.

Non è idoneo ad interrompere la prescrizione del diritto di accertare la tassa automobilistica un avviso di accertamento notificato al contribuente in un luogo diverso da quello di sua effettiva residenza.

Comm. trib. reg. Bari sez. XV, 02/12/2009, n.80

Mancato pagamento della tassa di circolazione automobilistica

Sono devolute alla giurisdizione del giudice tributario le controversie aventi ad oggetto il mancato pagamento della tassa di circolazione automobilistica (anche se, come nella specie, si eccepisca soltanto l’intervenuta prescrizione della pretesa dell’amministrazione), mentre appartengono alla giurisdizione del giudice ordinario le controversie relative all’esecuzione del titolo relativo.

Il sollecito di pagamento della predetta tassa non costituisce atto dell’esecuzione forzata, e pertanto la sua impugnazione non è sottratta alla giurisdizione del giudice tributario.

Cassazione civile sez. un., 19/11/2007, n.23832



Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube