Conte: cambieremo la tassa sulle auto aziendali

25 Novembre 2019
Conte: cambieremo la tassa sulle auto aziendali

Il Governo si impegna a modificare la norma: la tassa come formulata ora crea problemi sia alle retribuzioni dei dipendenti sia alle vendite auto. 

La tanto discussa tassa sulle auto aziendali cambierà presto e la modifica sarà inserita nella legge di Bilancio da varare entro dicembre: lo promette il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, intervenuto oggi a Melfi all’assemblea Anfia, l’associazione italiana filiera dell’industria automobilistica. L’impegno di Conte conferma l’apertura del ministro dell’Economia Gualtieri, che nei giorni scorsi aveva annunciato in Senato che la tassa sulle auto aziendali sarà cambiata. Ci resoconta su quanto dichiarato dal premier l’agenzia stampa Adnkronos.

”Nella sua forma attuale, la ratio della norma è quella di favorire il ricambio auto in un’ottica di sostenibilità ambientale. Dopo l’approvazione della norma – ha detto – le analisi di Anfia, così come quelle provenienti da altri esperti, ci hanno mostrato profili di criticità che potrebbero ricadere sia sul fronte delle prospettive di vendita del settore sia su quello delle retribuzioni dei dipendenti, già oggi inferiori alla media europea. Non c’è nulla di più lontano dalle nostre intenzioni che penalizzare uno dei settori più dinamici della nostra economia”.

Così il ministero dell’Economia – prosegue Conte – sta interloquendo con tutti i soggetti coinvolti ”per pervenire a una soluzione quanto più possibile condivisa, che rimoduli la misura in modo da contemperare, da una parte, l’esigenza di perseguire una giusta transizione verso tecnologie a zero emissioni e, dall’altra, accompagnare la transizionesenza colpire, in modo improvvido, lavoratori ed aziende”.

Quindi, il Governo intende ”migliorare questa norma all’interno del passaggio parlamentare della legge di bilancio, per dare impulso ad una strategia di lungo periodo per il rilancio di un settore cruciale che costituisce, già oggi, una delle maggiori eccellenze italiane”, conclude il premier.

Il presidente Conte nel medesimo evento ha anche anticipato l’arrivo di”misure concrete per il rilancio del settore automotive”, alle quali sta lavorando il ministero dello Sviluppo Economico e che dovrebbero essere varate entro gennaio. Riguarderanno – ha spiegato Conte – il rinnovo delle dotazioni degli autoveicoli delle pubbliche amministrazioni, che dovrà avvenire “per almeno la metà  mediante l’acquisto o il noleggio di veicoli a energia elettrica o ibrida.

Inoltre, il Governo, ha proseguito Conte, “intende assicurare il massimo supporto ai programmi strategici di comune interesse europeo per gli stabilimenti coinvolti nella transizione ecologica con specifiche misure di sostegno economico che possono essere inserite già all’interno della legge di bilancio. Puntare sull’auto elettrica, infatti, è un’opportunità se il nostro Paese riesce ad assicurare una filiera quanto più possibile nazionale dell’assemblaggio di componenti fondamentali, come le batterie”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube