L’esperto | Articoli

Tessera sanitaria: ultime sentenze

28 Dicembre 2019
Tessera sanitaria: ultime sentenze

Le ultime sentenze su: tessera sanitaria; falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o sulle qualità personali proprie o di altri; reato di mendaci dichiarazioni a pubblico ufficiale; possesso di tessera sanitaria scaduta.

Mostrare una tessera sanitaria di altri

Le mendaci dichiarazioni a pubblico ufficiale vietate dall’art. 496 c.p. possono essere effettuate in svariati modi, anche con l’esibizione di un documento falso o appartenente a terzi (nella specie, l’imputato aveva esibito una tessera sanitaria).

Cassazione penale sez. VI, 20/12/2016, n.645

Formazione di una carta d’identità e tessera sanitaria false

Possono essere concesse le attenuanti generiche in considerazione della mancanza di precedenti penali specifici, dell’inadeguatezza a gestire la condotta criminale discendente dalla mancanza di esperienza specifica e soprattutto dal leale atteggiamento processuale; attenuanti che prevalgono sulla recidiva che riguarda un precedente risalente e non specifico (nella specie si trattava del reato di false dichiarazioni al pubblico ufficiale nonché di formazione di una carta d’identità e tessera sanitaria false).

Ufficio Indagini preliminari Napoli, 16/11/2015, n.2020

Regolare documento di identità e di certificato medico

E’ illegittima l’ordinanza sindacale che prevede (fino all’adozione da parte del Ministero della salute di specifici provvedimenti) il divieto di dimora, anche occasionale, presso qualsiasi struttura di accoglienza, per persone prive di regolare documento di identità e di regolare certificato medico, nonché l’obbligo, da parte dei soggetti privi di regolare permesso di soggiorno ovvero di tessera sanitaria ed individuati nel corso di accertamenti da parte della Polizia Locale, di sottoporsi entro tre giorni a visite mediche presso l’ASL competente.

Tale ordinanza, infatti, non dimostra la posizione differenziata del Comune in ordine al tasso di rischio cui si espone la popolazione locale, poiché i pochi casi rilevati di scabbia o di epatite C non sono idonei a giustificare quella particolare gravità legittimante l’ordinanza contingibile e urgente, mentre, con riguardo al virus Ebola, il protocollo per la gestione della malattia redatto dall’ASL ha escluso la sussistenza di un’emergenza sanitaria.

T.A.R. Venezia, (Veneto) sez. III, 15/07/2015, n.801

Ricetta scaduta e condotta del farmacista

La condotta del farmacista che abbia dispensato un farmaco D.P.C. (distribuzione per conto) sulla base di ricetta scaduta di validità non può essere sottoposta al vaglio della Commissione farmaceutica dell’Asl decorso il termine annuale di cui all’art. 4, comma 11 d.P.R. 371/1998, né tale condotta rientra in alcuna delle fattispecie sanzionabili di cui al comma 10 del citato art. 4, non vertendosi, in tal caso, in ipotesi di prescrizione contemporaneamente priva degli elementi di cui alle lett. a) e b) (rispettivamente cognome e nome dell’assistito e numero della tessera sanitaria o codice fiscale) o del precedente comma 9, riguardante la ricetta incompleta degli elementi previsti alla lettera c) del comma 3 (nella fattispecie è stato ritenuto illegittimo il provvedimento di addebito del farmaco distribuito dal farmacista su ricetta DPC scaduta di validità contestato oltre il termine di un anno dalla avvenuta dispensazione).

T.A.R. Reggio Calabria, (Calabria) sez. I, 19/12/2014, n.839

Ricette complete del nome dell’assistito e del numero di tessera sanitaria

È legittimo il provvedimento amministrativo che dispone la decadenza dalla titolarità di farmacia ai sensi dell’art. 113 r.d. n. 1265 del 1934 (t.u.l.s.) “per constatata, reiterata o abituale negligenza e irregolarità nell’esercizio della farmacia” nei confronti di un farmacista che, in palese violazione dell’art. 4 d.P.R. n. 371 del 1998 – nella parte in cui impone al farmacista di spedire unicamente ricette complete del nome dell’assistito e del numero di tessera sanitaria -, abbia accettato e spedito migliaia di ricette mediche false, facilmente percepibili come tali, in quanto compilate in modo tale che il paziente destinatario del diritto all’erogazione del farmaco a carico del Servizio Sanitario Nazionale non fosse identificabile in ragione della grafia illeggibile e dell’indicazione di un codice regionale inesistente o riportato solo parzialmente.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. II, 27/05/2013, n.5304

Realizzazione della tessera sanitaria

Non è conforme a legge l'”atto di indirizzo strategico” rivolto dal Ministro dell’economia e delle finanze alla Società generale d’informatica – Sogei s.p.a. e all’Istituto poligrafico e zecca dello Stato – Ipzs s.p.a. affinché queste, in vista della realizzazione del documento elettronico unico contenente la carta d’identità e la tessera sanitaria, costituiscano una società “ad hoc” con attribuzione ad essa delle risorse umane, strumentali e finanziarie già assegnate alla menzionata finalità nell’ambito di Sogei s.p.a. e di Ipzs s.p.a. (in motivazione, si precisa che il legislatore, nel prevedere la creazione del documento elettronico unico, ha previsto il riordino delle funzioni e dei compiti delle società “in house” Sogei s.p.a. e Ipzs s.p.a., già operanti – rispettivamente – per la realizzazione della tessera sanitaria e della carta d’identità elettronica, ma non la possibilità di costituire una nuova società, oltre tutto con oneri di spesa non previsti dalla legge).

Corte Conti sez. contr., 29/12/2011, n.25

Vendita di sostanze alimentari da parte di una farmacia con tessera sanitaria scaduta

Ai sensi dell’art. 21 l. 24 novembre 1981 n. 689, nel caso di infrazione all’art. 14 commi 1 e 2 l. 30 aprile 1962 n. 283, per vendita di sostanze alimentari da parte di una farmacia con tessera sanitaria scaduta, l’applicazione della sanzione accessoria costituita dalla sospensione della licenza di farmacia rappresenta un atto dovuto, anche se il convenuto abbia provveduto al pagamento della sanzione pecuniaria.

T.A.R., (Liguria) sez. II, 30/09/1999, n.465

Possesso di tessera sanitaria scaduta

Si considera privo del libretto sanitario richiesto dall’art. 14 della l. 30 aprile 1962 n. 283 per la manipolazione di sostanze alimentari anche colui che sia in possesso di tessera sanitaria scaduta. La ratio della citata norma, infatti, è quella di evitare che operatori non sani o portatori di malattie vengano a contatto con i prodotti alimentari.

Cassazione penale sez. VI, 22/12/1983

Cosa succede se si è privi di tessera sanitaria?

La proibizione di lavorare o trasportare latte se si è privi di tessera sanitaria riguarda non solo i dipendenti ma tutto il personale utilizzato, a prescindere dal rapporto giuridico che lo lega al titolare dell’impresa. Ed il reato è commesso anche da chi sia in possesso di tessera sanitaria scaduta.

Cassazione penale sez. VI, 07/07/1981

Chi deve essere munito di tessera sanitaria?

Anche il personale che tratta prodotti alimentari posti in vendita esclusivamente in involucri sigillati deve essere munito di tessera sanitaria.

Cassazione penale sez. VI, 13/05/1980



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Ho perso la tessera sanitaria. Cosa posso fare? Qual è la procedura de seguire in caso non dovessi più trovare la tua tessera sanitaria? Cosa succede se perdo la tessera sanitaria?

    1. Nel caso in cui avviene lo smarrimento o il furto della tessera sanitaria, è necessario adoperarsi subito per il rilascio del duplicato. Il primo passo da fare nell’ipotesi di smarrimento o di furto della tessera sanitaria è la denuncia alle autorità competenti, anche se l’attuale normativa non ne prevede un obbligo specifico.Tuttavia, al fine di evitare che chi ne venga in possesso, possa utilizzarla in maniera impropria, è consigliato effettuarla. Si pone in essere così un atto cautelativo, al quale ogni cittadino è tenuto nell’ipotesi di furto o smarrimento dei propri documenti (e pertanto, anche in caso di smarrimento o di furto della carta di identità, della patente, del passaporto, ecc.).Contestualmente è possibile bloccare immediatamente la tessera, telefonando al numero verde gratuito 800.030.606, a cui risponde un operatore reperibile dal lunedì al sabato, dalle ore 8:00 alle ore 20:00.La denuncia può essere fatta:presentandosi personalmente ad un commissariato di polizia o ad una stazione dei carabinieri;telematicamente, accedendo al servizio “Denuncia via web” della Polizia di Stato.Il passo successivo alla denuncia è quello della richiesta per il rilascio della tessera sanitaria.I cittadini italiani residenti all’estero possono richiedere il duplicato della tessera sanitaria in caso di smarrimento o di furto, rivolgendosi al Consolato italiano del Paese di residenza. Potranno scegliere di ricevere la nuova tessera nel paese estero dove sono residenti, presso il domicilio in Italia o anche presso la stessa rappresentanza diplomatica.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube