Diritto e Fisco | Articoli

Nuove modifiche al Codice della Strada: multe ridotta del 30% per chi paga subito

23 Luglio 2013
Nuove modifiche al Codice della Strada: multe ridotta del 30% per chi paga subito

Approvate le modifiche al codice della strada: sarà possibile pagare le multe immediatamente e con carta di credito o bancomat

Sconti del 30% sulle multe agli automobilisti che pagheranno immediatamente, senza fare ricorso contro il verbale. È questa una delle misure più interessanti approvate dalle Commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera e che modificano il Codice della strada.

Come sempre, dunque, si annuncia un’estate di novità per chi si mette al volante: come da buona tradizione, il codice stradale viene riformato proprio nei mesi estivi.

La prima novità prevede lo sconto del 30% sulle multe agli automobilisti che pagano con carte elettroniche (carta di credito, bancomat, ecc.) al momento della contestazione. Ciò, ovviamente, a condizione che l’agente accertatore sia munito di idonea apparecchiatura (i cosiddetti POS). In tal caso, il conducente ben può pagare direttamente nelle mani dell’agente medesimo che rilascerà al trasgressore una ricevuta.

Ma che succede se l’agente non ha il POS? Nessun problema. Lo stesso sconto del 30% scatterà anche per chi pagherà la contravvenzione entro 5 giorni dalla contestazione.

In ultimo, la riduzione del 30% della multa scatta anche per chi non ha subìto negli ultimi due anni tagli di punti sulla patente di guida.

La riduzione del 30% non si applicherà, invece, alle violazioni delle norme del Codice della strada per le quali è prevista la sanzione accessoria della confisca del veicolo o della sospensione della patente.

Le multe saranno inoltre notificate anche via Pec (posta elettronica certificata), ovviamente ai soggetti abilitati al suo utilizzo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube