Le Pa potranno cambiare presto le loro auto

26 Novembre 2019
Le Pa potranno cambiare presto le loro auto

Conte dice sì al rinnovo del parco auto delle pubbliche amministrazioni, il più vecchio d’Europa. Ora il ministero Trasporti dovrà decidere il programma.

Il rinnovo del parco auto delle pubbliche amministrazioni incontra il favore del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Stamattina alla conferenza del traffico e della circolazione, organizzata dall’Aci, Conte è intervenuto rilasciando una dichiarazione di apertura a questa proposta. Le sue parole sono state raccolte dall’agenzia stampa Adnkronos.

”Accolgo l’invito del presidente dell’Aci Sticchi Damiani a valutare -lo faremo insieme con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli e il governo – questa proposta. E’ chiaro che rinnovare il parco auto è sicuramente un obiettivo compatibile, con la scelta eco-razionale, significa evidentemente mostrare piena consapevolezza che in questo momento in Italia abbiamo il parco auto circolante forse più vecchio d’Europa”,  costituito per lo più da ”euro zero 1 zero 2 e zero 3”.

”Lei, se ho ben capito – dice Conte rivolto al numero uno dell’Aci- suggerisce un riorientamento, un rinnovamento del parco che potrebbe anche non essere necessariamente conseguito attraverso meccanismi incentivanti, quindi non con grandi impegni finanziari… e questo suona come musica per le mie orecchie in questo scorcio di fine anno in cui, come sapete, siamo alle prese con l’obiettivo di far quadrare i conti e misurare con attenzione qualsiasi spostamento normativo che non abbia ricadute insostenibili sul piano economico-finanziario”.

La proposta dell’Aci ”possiamo valutarla insieme, ora non sono delle condizioni di valutare tutte le implicazioni, ma con la ministra De Micheli lo faremo. L’Obiettivo lo condividiamo. Rinnovare il parco auto oggi significa anche garantire maggiore sicurezza ai cittadini”.


note

Immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube