Diritto e Fisco | Articoli

Processo del lavoro per i licenziamenti: competente lo stesso giudice della fase sommaria

30 Agosto 2013
Processo del lavoro per i licenziamenti: competente lo stesso giudice della fase sommaria

Il giudice che ha deciso la fase sommaria nel procedimento sul licenziamento può decidere anche nel successivo giudizio di opposizione.

Il giudice del lavoro, che ha deciso la fase sommaria del nuovo rito Fornero previsto in materia di licenziamenti, può decidere anche sulla eventuale e successiva fase dell’opposizione.

A dirlo è la prima sezione civile del Tribunale di Milano [1] secondo cui non esiste alcuna incompatibilità tra le due fasi del rito.

Non si può, quindi, presentare un’istanza di ricusazione in quanto non si tratta di diversi gradi di giudizio.

Come noto, il nuovo processo del lavoro in materia di licenziamenti ha introdotto un modello di procedimento a due fasi:

– la prima, necessaria, a carattere sommario: qui il giudice procede a un’istruttoria sommaria d’ufficio o su atti sollecitati dalle parti;

– contro l’ordinanza che conclude la prima fase, è ammessa l’opposizione (con ricorso), che apre la seconda fase, quella a cognizione piena; essa si conclude con una sentenza, che a sua volta può essere impugnata in appello.

Secondo il tribunale di Milano, il procedimento è similare a quello dell’opposizione a decreto ingiuntivo.

Non si può applicare l’obbligo di astensione al rito Fornero, affermano i giudici meneghini, perché non siamo dinanzi a due diversi gradi di giudizio, visto che nella prima fase non si è consumato il potere di decidere nel merito. Le ipotesi di astensione, poi, sono assolutamente tassative.

Per il tribunale di Milano, insomma, la ricusazione non è possibile perché il giudice che ha sì conosciuto la causa in una fase diversa, ma non lo ha tuttavia fatto in un diverso grado di giudizio come invece richiede la norma


note

[1] Trib. Milano ord. del 19 giugno 2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube