Diritto e Fisco | Articoli

Scuola: niente dati personali dei docenti nelle graduatorie

1 Agosto 2013 | Autore:
Scuola: niente dati personali dei docenti nelle graduatorie

Mai più indirizzi e numeri di telefono dei professori nelle graduatorie scolastiche: non sono necessari.

Le scuole non possono inserire, nelle graduatorie online per le supplenze, dati del personale docente e personale Ata non pertinenti e/o non necessari, come l’indirizzo o il numero di telefono.

Lo ha stabilito il Garante della privacy [1], sollecitato dalle segnalazioni di alcuni professori che avevano rinvenuto – all’interno di documenti pubblicati sul web da due circoli didattici e un istituto comprensivo – informazioni personali non necessarie: codici fiscali, numeri di telefono e indirizzi di circa 8.000 interessati erano facilmente raggiungibili tramite i comuni motori di ricerca.

Il Garante ha precisato che, nelle graduatorie online, è vietata la divulgazione delle informazioni personali sui candidati, salvo quelle necessarie per consentire ai lavoratori di conoscere il proprio punteggio e la propria posizione nella graduatoria stessa. A tale scopo, è sufficiente la pubblicazione sui siti web dei soli dati utili a individuare il candidato, come il nome, il cognome, il punteggio e la posizione in graduatoria. Altre generalità come l’indirizzo e il numero di telefono, invece, possono essere utilizzate dalle scuole (ad esempio per comunicare con il personale), ma non possono essere diffuse online.

La presenza sul web di informazioni personali presta il fianco a furti di identità e violazioni della riservatezza. Per tali motivi, il Garante della privacy ha imposto agli istituti scolastici la cancellazione dei dati incriminati già presenti in rete e, per il futuro, il compimento di una rigida selezione dei dati da inserire in graduatorie e documenti destinati a internet, secondo i principi della pertinenza e della non eccedenza.


note

[1] Documento web n. 2536409, 2536184 e 2535862.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube