Politica | News

Salvini crea la nuova Lega

26 Novembre 2019
Salvini crea la nuova Lega

Congresso straordinario per creare la nuova Lega: movimento nazionale e non più circoscritto al Nord. Nuova sede a Roma. Cambiano anche i vertici organizzativi.

Matteo Salvini ha deciso: ci sarà un restyling completo della Lega e si farà prima di Natale, il che vuol dire che la nuova Lega si presenterà rinnovata già alle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna ed in Calabria, il 26 gennaio.

Il cambiamento – che ci viene anticipato dalla nostra agenzia Adnkronos – sarà totale: reset degli incarichi dirigenziali con azzeramento degli attuali vertici (a parte Salvini, ovviamente) e una nuova sede centrale del Carroccio che dal Nord si sposterà a Roma, come a voler sottolineare il passaggio da una Lega Nord ormai superata ad una nuova Lega che ambisce a diventare un partito nazionale, con un raggio d’azione totale dalla Val d’Aosta alla Sicilia.

Le modifiche preannunciate saranno discusse in un congresso straordinario che il Federale leghista ha appositamente convocato per l’occasione e inizierà il 21 dicembre. Qui Salvini chiederà di modificare le attuali regole, guardando al futuro. “Siamo nel 2019, il fatto che la Lega sia ormai un movimento nazionale mi sembra chiaro ed evidente”, ha detto oggi alla Camera.

Salvini sa bene che realizzare la fase di transizione dalla tradizionale Lega padana al nuovo “movimento nazionale” che ha in mente non sarà facile; si dovrà innanzitutto chiudere i conti col vecchio partito, la Lega Nord, fondata da Umberto Bossi, che sarà presente anche lui al congresso.

“Non ci sarà alcun commissariamento del vecchio partito”, assicura una fonte vicina al segretario. Ma di cambiamenti ce ne saranno. Certo è che le modifiche allo statuto punteranno a snellire l’ormai vecchia Lega Nord. Spariranno i responsabili centrali della organizzazione, settore ora affidato a Roberto Calderoli, e del tesseramento, attualmente nelle mani di Luigi Augussori.

Il lavoro delle tessere e dell’organizzazione confluirà in Lega per Salvini premier, il nuovo partito nato a dicembre del 2017. Il simbolo e il nome non si toccano, almeno per ora.

A dirigere le redini della rinnovata Lega Salvini conferma i suoi due vice, l’ex ministro Lorenzo Fontana e Andrea Crippa, già capo dei giovani leghisti. Delegato a lavorare sugli statuti è Roberto Calderoli, il vicepresidente del Senato, che già  due anni fa aveva firmato l’operazione che portò alla nascita della Lega per Salvini premier.

Dissensi su questa linea programmata non ce ne sono, o, almeno, non emergono. L’opposizione nordista alla linea Salvini, se c’è, appare silenziosa. Al Federale, raccontano, Gianni Fava – che è la voce ufficiale del dissenso – non ha voluto fare alcun intervento.


1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA