Diritto e Fisco | Articoli

Cane malato: l’allevatore deve risarcire il padrone

28 Agosto 2013
Cane malato: l’allevatore deve risarcire il padrone

Responsabile l’allevatore se il cane venduto è affetto da malattia patologica e non può partecipare alle gare cinofile per le quali era stato acquistato.

L’allevatore deve risarcire il padrone se gli ha venduto un cane malato non idoneo a partecipare a gare cinofile per le quali era stato promesso. È quanto stabilito dal giudice di pace di Macerata. La recente sentenza [1] ha condannato un allevatore a risarcire un padrone che, dopo la consegna, aveva scoperto che il doberman vendutogli era affetto da rogna rossa e non poteva partecipare alle gare per le quali era stato acquistato.

Tutti i cani devono essere sani, a prescindere dalle gare

Per il giudice, l’allevatore di cani, in quanto venditore, risponde per legge dei vizi di conformità degli animali venduti. Tra i vizi di conformità è previsto il caso in cui il bene venduto non sia idoneo all’uso particolare voluto dall’acquirente e comunicato al venditore [2] (per esempio, nel caso di specie, le gare cinofile).

Inoltre, qualora il vizio si manifesti entro sei mesi dalla consegna del bene, l’acquirente è peraltro esonerato dal provare che esso fosse già presente prima della vendita [3].

Nel caso in esame, il venditore, nonostante fosse consapevole che l’acquisto era finalizzato alla partecipazione a gare cinofile, aveva venduto un cane malato e la patologia era stata scoperta dall’acquirente poco dopo la consegna. Di conseguenza, l’allevatore è stato condannato a risarcire all’acquirente i danni comprensivi di spese mediche e deprezzamento dell’animale.


note

[1] Giudice di pace di Macerata, sent. n. 250/2013.

[2] Art. 129, c. 1, lett. d) cod. del consumo.

[3] Art. 132, c. 3, cod. del consumo.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube