Istat: i nuovi dati sulla disoccupazione

29 Novembre 2019
Istat: i nuovi dati sulla disoccupazione

Meno persone in cerca di un lavoro, più italiani occupati. Numeri positivi per uomini e donne su base mensile e su base annua.

Le persone in cerca di occupazione sono in diminuzione (-1,7%, pari a -44mila unità nell’ultimo mese). A rilevarlo è l’Istat che ha diffuso i dati provvisori di ottobre 2019 di occupati e disoccupati. L’andamento della disoccupazione, spiega l’Istituto di statistica, è sintesi di un marcato calo per gli uomini (-3,9%, pari a -52mila unità) e di un lieve aumento tra la donne (+0,7%, pari a +8mila unità), e coinvolge tutte le classi d’età tranne gli ultracinquantenni. Il tasso di disoccupazione scende al 9,7% (-0,2 punti percentuali). Il tasso di occupazione sale al 59,2% (+0,1 punti percentuali).

A ottobre, la stima degli occupati risulta in crescita (+0,2%, pari a +46mila unità) rispetto a settembre. Secondo l’Isituto di statistica, l’occupazione è in aumento per entrambe le componenti di genere; cresce tra gli over 35 (+49mila), cala lievemente tra i 25-34enni ed è stabile tra gli under 25. L’incremento dell’occupazione è dovuto alla crescita degli indipendenti (+38mila) e dei dipendenti a termine (+6mila) mentre risultano sostanzialmente stabili i dipendenti permanenti.

Su base annua l’occupazione risulta in crescita (+0,9%, pari a +217mila unità). L’espansione riguarda sia donne sia uomini e tutte le classi d’età tranne i 35-49enni. Al netto della componente demografica la variazione è positiva per tutte le classi di età. La crescita nell’anno è trainata dai dipendenti (+231mila unità nel complesso) e in particolare dai permanenti (+181mila), mentre calano gli indipendenti (-15mila). Nell’arco dei dodici mesi, la crescita degli occupati si accompagna a un calo sia dei disoccupati (-9,7%, pari a -269mila unità) sia degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,4%, pari a -49mila).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube