Quando il sesso fa male: quello che ancora c’è da sapere

29 Novembre 2019
Quando il sesso fa male: quello che ancora c’è da sapere
Uno spot in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids mette in guardia i più giovani sulle altre malattie sessualmente trasmissibili.
“Le infezioni sessualmente trasmesse sono più diffuse di quanto pensi. Proteggi te stesso e gli altri. Usa il preservativo. Se hai dubbi o domande chiedi al tuo medico o chiama il telefono verde Aids-Ist dell’Istituto Superiore di Sanità, 800861061“. È il messaggio del nuovo spot contro le infezioni sessualmente trasmissibili, messo in campo dalla Federazione nazionale dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), attraverso il suo sito, in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids, che si celebra il 1° dicembre.
Una tavola imbandita, dolci, fiori, palloncini e ghirlande a forma di cuore: sembra tutto pronto per un appuntamento romantico. Ma la scena cambia, mentre la musica si fa inquietante. Si inseriscono elementi distonici: una goccia di sangue bagna i petali, i dolci rivelano in trasparenza scheletri e mostri, i palloncini scoppiano, le ghirlande si incendiano. Lo spot gioca la carta dell’evocazione per evocare ombre su un momento di intimità vissuto senza precauzioni.
Secondo i dati diffusi dall’Istituto superiore della Sanità, ed elaborati dal Centro operativo Aids-Dipartimento malattie infettive, le infezioni sessualmente trasmissibili sono in incremento in tutto il mondo, con 357 milioni di nuovi casi in un anno riguardanti quattro infezioni batteriche: Clamidia, Gonorrea, Sifilide, Trichomonas vaginalis – spiega Giovanni Leoni, vicepresidente Fnomceo e responsabile del progetto, che comprende anche un volantino e una app prodotti in collaborazione con il ministero della Salute – E sono soprattutto i giovani e i giovanissimi ad essere colpiti, spesso senza esserne neppure coscienti, tanto che è poi un medico di altra disciplina, come ad esempio un chirurgo, a diagnosticarla, anche dopo anni”.
“Il target scelto è proprio quello degli adolescenti e preadolescenti, che si apprestano a vivere le prime esperienze – continua Cosimo Nume, coordinatore Area strategica comunicazione Fnomceo – per questo, dopo un ampio studio che ha coinvolto, tramite un sondaggio su diverse versioni dello spot, anche studenti di alcuni istituti scolastici, si è arrivati al risultato. Lo spot cerca di veicolare, attraverso effetti speciali ‘da cinema’ o ‘da videogioco’, le fonti di informazione cui affidarsi: il medico o gli esperti del telefono verde dell’Iss”. Firmato dal regista Stephen Natanson, lo spot sarà veicolato attraverso i social di Dottoremaveroche: Facebook Youtube e, prossimamente, Instagram, conclude Alessandro Conte, che del progetto Dottoremaveroche è il coordinatore.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube