Diritto e Fisco | Articoli

Pomodori: su produzione e vendita interviene il ministro

29 Novembre 2019
Pomodori: su produzione e vendita interviene il ministro

Il ministro Bellanova contro il caporalato e a favore della trasparenza a partire dall’etichetta sull’origine. Il problema dei prezzi che non coprono i costi.

Caporalato, sfruttamento della manodopera, produzione meccanizzata, provenienza del prodotto e problemi della sua trasformazione e commercializzazione: sono i temi trattati oggi a Napoli al Congresso annuale dell’Anicav ‘il Filo rosso del pomodoro tra futuro e mercato: La reputation come asset strategico per il comparto’, dove è intervenuta la ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova, che ha lanciato una dichiarazione precisa. Ce la riporta l’agenzia stampa Adnkronos.

“Voglio dirlo con forza: la filiera del pomodoro non è una filiera sporca. Per noi non esistono filiere sporche, ci sono aziende che commettono reati e come tali vanno punite. Siamo contrari alle presunzioni di colpevolezza. Il tema è questo: il valore della reputazione. E spesso basta a una mela marcia a compromettere tutta la credibilità del settore. Per questo è nostro dovere impegnarci a fondo”.

La ministra si è dichiarata d’accordo anche sull’iniziativa di dare trasparenza sull’origine del prodotto nell’etichetta: “Se vogliamo avere una reputazione forte, dobbiamo dire al consumatore che la trasparenza è un valore, è un diritto. Nessuno può averne paura”.

Un altro problema trattato è quello dei costi in rapporto al valore: “Così come devono poter conoscere da dove proviene la materia prima dei cibi che acquistano, è importante che i cittadini conoscano il valore del prodotto. Se si abituano a comprare a costi che nemmeno coprono quelli di produzione allora avremo un problema enorme: quel risparmio lo sta pagando qualcuno”, aggiunge il ministro.

Sul fronte del caporalato, la ministra ha sottolineato il dovere di combattere i caporali e insieme le pratiche sleali di mercato: “vogliamo accelerare il recepimento della direttiva Ue in materia e coordinarla con la nostra legge nazionale. Daremo un testo solo alle aziende, condiviso e con meno dubbi di interpretazione possibile. Sapendo che le pratiche sleali rappresentano un punto di assoluta debolezza nei rapporti della filiera e per questo devono essere vietate. Le aste al doppio ribasso, per esempio, pur non essendo in quella direttiva, sono caporalato in giacca e cravatta e per questo appoggio la legge che le vieta. È stata approvata alla Camera in prima lettura e spero che al Senato possa divenire definitivo il testo”.


note

Immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube