Diritto e Fisco | Articoli

Come trasferire soldi da conto corrente a carta di credito

14 Dicembre 2019 | Autore:
Come trasferire soldi da conto corrente a carta di credito

Una carta di credito può ricevere somme di denaro? È possibile trasferire soldi da carta di credito a Postepay? Cosa sono le carte prepagate con codice Iban?

È difficile trovare oggigiorno qualcuno che non abbia un conto corrente, alla banca oppure alle poste; in effetti, i vantaggi di un conto sono notevoli: comodità e sicurezza nell’effettuare le transazioni; tracciabilità dei pagamenti; rischio praticamente azzerato di subire furti (per le truffe è un’altra questione); tranquillità di poter pagare senza dover portare del contante con sé. Per poter utilizzare i soldi che si hanno su un conto corrente, però, occorre avere degli strumenti idonei ad effettuare le transazioni: tra questi vi rientrano senz’altro le carte di credito. Con questo articolo vorrei soffermarmi su un tema specifico: come trasferire soldi da un conto corrente a una carta di credito?

Mettiamo il caso che tu sia titolare di due carte di credito; una di queste, però, è rimasta praticamente “a secco”, nel senso che non puoi utilizzarla perché il fondo cui è collegata è oramai esaurito. In un’evenienza del genere, puoi trasferire sulla carta di credito i soldi provenienti da altro conto corrente? Se ritieni che questo argomento possa interessarti, prenditi dieci minuti di tempo e prosegui pure nella lettura: vedremo insieme, in modo semplice e chiaro, come trasferire danaro da un conto a una carta di credito.

Conto corrente: cos’è?

Prima di spiegare come trasferire soldi da conto corrente a carta di credito, è bene specificare cosa sia un conto corrente: e infatti, sebbene quasi tutti ne abbiano uno, è sempre opportuno fornirne una nozione semplice e facilmente comprensibile, di modo che non si faccia confusione.

Il conto corrente è uno strumento bancario che indica generalmente il deposito di denaro da parte del titolare del medesimo conto, comunemente detto correntista, all’interno di un istituto di credito, e che consente l’utilizzo di moneta bancaria, cioè della moneta elettronica.

Con il conto corrente, in pratica, una persona apre una specie di fondo ove colloca il proprio denaro; così facendo, il titolare può gestire tutti i suoi affari (entrate e uscite, incassi e pagamenti) attraverso quel conto, compiendo operazioni sia attive che passive.

A cosa serve il conto corrente?

Il conto corrente assolve a diverse funzioni. Innanzitutto, i soldi che sono depositati alla banca e che, di fatto, costituiscono il fondo con cui si identifica il conto corrente stesso, sono al sicuro, nel senso che è praticamente impossibile che ti vengano rubati.

Il conto corrente, poi, ti permette di non dover portare soldi con te: come vedremo di qui a un istante, grazie agli assegni e alle carte di credito potrai effettuare praticamente ogni transazione senza aver bisogno del denaro contante e, soprattutto, senza il rischio che ti possa essere sottratto con la forza oppure rubato.

Carte di credito: cosa sono?

Cosa sono le carte di credito? Le carte di credito sono carte di pagamento collegate a un conto corrente. In pratica, quando paghi con la carta di credito attingi dai soldi che hai sul conto. Per questa ragione, la carta di credito presuppone necessariamente l’esistenza di un conto corrente, il quale costituisce il fondo dal quale si prelevano i soldi per effettuare l’operazione desiderata.

La carta di credito è dunque uno strumento di pagamento che consente di versare del denaro senza utilizzare contante: i soldi vengono trasferiti direttamente da un conto a un altro mediante l’utilizzo della carta.

Sulla carta, sono riportati le generalità del titolare, il numero della carta e la sua scadenza. Il titolare è tenuto a porre la propria firma nello spazio predisposto.

Oltre che come strumento di pagamento, la carta può essere utilizzata come strumento di prelievo allo sportello automatico (come il Bancomat), mediante il codice segreto consegnato insieme alla carta.

Ogni carta ha un limite d’utilizzo mensile, superato il quale non è più possibile effettuare acquisti fino al mese successivo.

Carta di credito: quali sono i vantaggi?

I vantaggi di una carta di credito sono molteplici e, sostanzialmente, sono gli stessi che abbiamo visto nei paragrafi precedenti quando abbiamo parlato del conto corrente.

Una carta di credito consente:

  • di non portare con sé troppo denaro contante e tutelarsi così da eventuali furti o aggressioni;
  • di effettuare pagamenti via internet;
  • di fare spese all’estero senza dover cambiare valuta locale e, nei paesi dell’euro, senza alcun costo aggiuntivo ;
  • di effettuare alcune operazioni che, senza una carta di credito, sarebbero molto più difficili come ad esempio noleggiare vetture e prenotare alberghi.

I movimenti effettuati con carta dei credito, inoltre, a differenza del contante, consentono di tenere traccia di ogni pagamento, contribuendo così a contrastare la piaga dell’evasione fiscale.

Si possono trasferire soldi da un conto a una carta di credito?

Giungiamo al punto cruciale dell’intero articolo, che è poi la ragione per cui hai cominciato la lettura. Si possono trasferire soldi da un conto a una carta di credito? Sì, ma soltanto se la carta di credito è munita di codice Iban, cioè di quella serie di numeri che si riferisce alle coordinate bancarie; più nello specifico, l’iban è costituito di 27 caratteri, tra i quali si trova anche l’identificativo del conto corrente.

Dunque, se si intendono trasferire soldi da un conto corrente direttamente a un’altra carta di credito, cioè a una carta di credito che non è “figlia” del conto stesso, si potrà procedere disponendo un bonifico a favore dell’Iban presente sulla carta di credito.

Penso, però, che tu debba ulteriormente proseguire nella lettura per comprendere meglio quanto ti ho appena detto: scoprirai, infatti, che le carte con codice iban non sono delle vere e proprie carte di credito.

Carta di pagamento prepagata con codice Iban

Devo specificarti una cosa: la carta con codice Iban non è una vera e propria carta di credito, bensì una carta prepagata. La carta prepagata è uno strumento di pagamento molto simile alla tradizionale carta di credito: la differenza sta nel fatto che, mentre la carta di credito, come più volte specificato, utilizza i soldi presenti sul conto corrente, la carta prepagata si ricarica come se fosse la scheda del cellulare.

In altri termini, mentre il pagamento effettuato con carta di credito va ad incidere sul conto corrente, il pagamento con carta prepagata avviene con i soldi che il titolare ha messo sulla stessa carta, la quale è dunque svincolata da qualsiasi conto.

Detto ancora in altre parole, nel caso di carta prepagata i soldi vengono detratti direttamente dalla carta, mentre nell’ipotesi di carta di credito vengono prelevati dal fondo.

Una notissima carta prepagata con codice iban è la Postepay evolution, la carta di pagamento emessa in esclusiva dalle Poste italiane, con cui è possibile ricevere ed effettuare bonifici.

Carta di credito: può ricevere pagamenti?

Tirando le fila di quanto detto sinora, e soprattutto di quanto affermato negli ultimi due paragrafi, possiamo sostenere che  la carta di credito non è uno strumento di pagamento in grado di ricevere denaro, a meno che non sia una carta prepagata con Iban: in questa ipotesi, si possono versare soldi come ricarica, ricevere l’accredito dello stipendio o un bonifico, perfino accreditare la pensione. Ma ricorda che la carta prepagata  non è una carta di credito vera e propria, in quanto non ha alle spalle un conto corrente.

Ugualmente, non è possibile trasferire soldi da carta di credito ad altra carta di credito.

Rimborso su carta di credito: come funziona?

Se è vero quanto detto in precedenza, e cioè che la carta di credito è uno strumento che consente il pagamento, ma non l’accredito; è altrettanto vero che sulla carta di credito è possibile ricevere rimborsi, cioè il riaccredito di una somma che era stata in precedenza pagata. Classico è il caso del rimborso a seguito di restituzione di merce difettosa.

Il rimborso su carta di credito viene fatto non sotto forma di accredito di denaro sul conto corrente associato alla carta, bensì direttamente sul saldo della carta di credito utilizzata per l’acquisto. Ricevuto il rimborso, al successivo utilizzo della carta di credito dal conto corrente non sarà detratto il valore del rimborso, il quale si trova già sulla carta.

Come trasferire soldi da Paypal a carta di credito

Quanto appena detto in tema di rimborso sulla carta di credito è evidente quando tenti di trasferire soldi dal conto Paypal alla carta di credito.

Sicuramente, conoscerai Paypal, il circuito di pagamenti internazionali che consente a chiunque di aprire un conto gratuitamente e utilizzare, al posto delle normali coordinate iban, il proprio indirizzo email per inviare e ricevere denaro. Paypal è utilizzato principalmente per gli acquisti in internet, in quanto rappresenta una forma di pagamento veloce e comoda.

Ebbene, devi sapere che sul proprio conto Paypal è possibile trasferire denaro già presente su altri conti correnti, ricaricando così il proprio credito; ma può fare anche il contrario: spostare la provvista depositata su Paypal in un altro conto, semplicemente accedendo alla propria pagina personale online.

È quindi possibile che il correntista che abbia sia un conto con una banca nazionale e uno con Paypal sposti le proprie somme dall’uno all’altro con poche operazioni tramite computer.

Dunque, è possibile trasferire soldi dal conto Paypal alla carta di credito, purché questa sia associata allo stesso conto Paypal. In questo caso, però, devi sapere che i soldi non saranno trasferiti automaticamente sul conto corrente, ma diventeranno un accredito di rimborso su carta di credito.

In pratica, a seguito del trasferimento di soldi dal conto Paypal alla carta di credito non troverai tra i movimenti del conto l’accredito Paypal; dovrai controllare tra i movimenti della carta di credito, ove troverai l’operazione registrata con il valore dell’importo trasferito sulla carta di credito, con il segno meno.

Trasferire soldi da carta di credito a carta prepagata

È possibile trasferire soldi dalla carta di credito alla carta prepagata solo se la carta prepagata può essere ricaricata anche con carta di credito. In questo caso ti basterà fare una ricarica con carta di credito e immediatamente troverai il denaro caricato sulla carta prepagata. Bisognerà, tuttavia, mettere in preventivo i costi di ricarica, nonché i costi applicati dalla carta di credito per questo tipo di operazione.

Trasferire soldi da carta di credito a Postepay

Se vuoi trasferire soldi dalla tua carta di credito alla tua Postepay, dovrai avvalerti degli sportelli esterni Atm Postamat, sempreché la tua carta di credito appartenga al circuito Mastercard o Visa.

Dunque, per ricaricare la Postepay con la carta di credito, ti basterà trovare un ufficio postale con Atm Postamat, introdurre la carta di credito nello sportello automatico del circuito postale e digitare il tipo di operazione. Occorrerà poi inserire i dati della carta Postpeay che deve ricevere il denaro e l’importo da trasferire.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube