Politica | News

Nuovo sondaggio, sorprese per i leader

30 Novembre 2019
Nuovo sondaggio, sorprese per i leader

L’ultimo sondaggio Ipsos mostra il cambiamento delle preferenze degli italiani riguardo ai leader politici. Confermati invece i trend dei partiti.

Sarà la discussione in corso sulla nuova legge di Bilancio, ma il quadro politico degli ultimi giorni, con governo bloccato e manovra a rischio, sembra aver inciso parecchio sulle preferenze manifestate dagli italiani nell’ultimo sondaggio Ipsos di Nando Pagnoncelli, pubblicato dal Corriere della Sera e diffuso ora anche dall’agenzia stampa Adnkronos.

La Lega rimane il primo partito, scende il Movimento 5 Stelle e risale il Pd, ma la novità è un’altra e riguarda non i partiti, ma il consenso personale espresso nei confronti dei leader. Qui accade che Giorgia Meloni supera in numero di preferenze Matteo Salvini, ma rimane comunque al secondo posto in assoluto, dietro al presidente del
Consiglio Giuseppe Conte.

Nel dettaglio, la Lega, pur mantenendosi al primo posto con il 31,9% delle preferenze, perde 2,4%; il Pd invece, con il 18,1%, aumenta di 0,9% avvicinandosi così al risultato ottenuto alle ultime elezioni europee, nonostante l’uscita di Matteo Renzi; al terzo posto si colloca il Movimento 5 Stelle con il 16,6% (in flessione di 1,3%).

Seguono i Fratelli d’Italia, in aumento dello 0,8% e che per la prima volta superano la soglia del 10%, arrivando al 10,6%. Poi Forza Italia stabile al 6,2%, Italia viva con il 5,3% (in flessione di 0,9%), Europa verde e Azione
di Calenda appaiati al 2,3%, Sinistra italiana con il 2% e +Europa con 1,2%. Tutte le altre liste con meno dell’1%, nell’insieme raggiungono il 3,5%.

Passando ai leader, il presidente Conte è apprezzato dal 43% degli italiani, e così si mantiene al primo posto in graduatoria ma arretra di 6 punti nell’indice di gradimento (47); Salvini perde 8 punti, passando da 45 a 37, e viene scavalcato al secondo posto da Giorgia Meloni che si attesta a 40 (-1); a seguire Dario Franceschini con indice 27, Teresa Bellanova e Roberto Speranza appaiati a 23, Nicola Zingaretti stabile a 20, quindi Luigi Di Maio con 18 (in calo di 6 punti), Silvio Berlusconi con 17 (-1) e Renzi con 10 (-6).

Impressiona la quota di italiani che manifestano l’intenzione di astenersi o si dichiarano indecisi su chi votare nelle prossime elezioni: oggi rappresentano il 40,5%, stando al sondaggio di Nando Pagnoncelli. Il giudizio sul governo è rimasto stabile rispetto a ottobre, infatti il 37% degli italiani approva l’esecutivo (+1%), mentre la maggioranza (52%) si esprime negativamente (+2%) e coloro che non si esprimono rappresentano l’11% (-3%).

note

Immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA