Lifestyle | News

Il Papa rilancia il presepe

1 Dicembre 2019
Il Papa rilancia il presepe

Lettera del Papa sul presepe: tradizione da rivitalizzare, non solo nelle case ma anche sui luoghi di lavoro, scuole, piazze, ospedali e carceri.

Da Greccio, dove San Francesco creò la prima rappresentazione storica della nascita di Gesù, Papa Francesco rilancia il presepe come segno per trasmettere la fede cristiana e fonte di gioia: una tradizione che non va assolutamente perduta ma anzi difesa. Per sottolineare il messaggio, il Papa ha firmato una lettera apostolica dove esalta l’importanza di questa raffigurazione emblematica. L’agenzia stampa Adnkronos ci espone i contenuti.

“Il mirabile segno del presepe, così caro al popolo cristiano, suscita sempre stupore e meraviglia – è l’incipit del documento pontificio – Rappresentare l’evento della nascita di Gesù equivale ad annunciare il mistero dell’incarnazione del Figlio di Dio con semplicità e gioia”.

Infatti, osserva il Pontefice, “il presepe – dal latino ‘praesepium, ovvero ‘mangiatoia‘, dove Gesù fu posto appena nato all’interno di una grotta a Betlemme – è come un Vangelo vivo che trabocca dalle pagine della Sacra Scrittura: mentre contempliamo la scena del Natale, siamo invitati a metterci spiritualmente in cammino, attratti dall’umiltà di colui che si è fatto uomo per incontrare ogni uomo”.

Firmando a Greccio questa Lettera Apostolica sul presepe, il Papa intende “sostenere la bella tradizione delle nostre famiglie, che nei giorni precedenti il Natale preparano il presepe; come pure la consuetudine di allestirlo nei luoghi di lavoro, nelle scuole, negli ospedali, nelle carceri, nelle piazze. È davvero un esercizio di fantasia creativa, che impiega i materiali più disparati per dare vita a piccoli capolavori di bellezza”. E auspica che “questa pratica non venga mai meno” e che anzi “là dove fosse caduta in disuso, possa essere riscoperta e rivitalizzata”.

Il Papa spiega che “san Francesco, con la semplicità di quel segno, realizzò una grande opera di evangelizzazione. Il suo insegnamento è penetrato nel cuore dei cristiani e permane fino ai nostri giorni come una genuina forma per riproporre la bellezza della nostra fede con semplicità. Così, osserva il Pontefice, “comporre il presepe nelle nostre case ci aiuta a rivivere la storia che si è vissuta a Betlemme. Il presepe è un appello a incontrare Cristo e a servirlo con misericordia nei fratelli e nelle sorelle più bisognosi”.

Il pontefice passa in rapida rassegna ed esamina i paesaggi e le statuine che compongono tradizionalmente il presepe: Gesù Bambino che “nella debolezza e nella fragilità nasconde la sua potenza e tende le mani verso chiunque”; Maria che “non tiene il figlio solo per sé ma chiede a tutti di obbedire alla sua Parola e metterla in pratica”; Giuseppe che “non si stanca mai di proteggere la sua famiglia e si affida alla volontà di Dio”; gli angeli e la stella cometa, simboli del “mettersi in cammino”.

E ancora, prosegue la descrizione del presepe da parte di Papa Francesco: il cielo stellato a rappresentare “la presenza di Dio nella notte che circonda la nostra vita”; i pastori perché “sono i più umili e i più poveri che sanno accogliere l’avvenimento dell’incarnazione di Dio”; i Re Magi che offrono in dono oro, incenso e mirra, “regali dal significato allegorico: la sovranità, la divinità e l’umanità di Gesù”; e tante altre statuine, dagli zampognari alle donne con la brocca d’acqua, dai fornai ai fabbri, ai bambini, per esprimere il concetto che “nella santità quotidiana, c’è spazio per tutto ciò che è umano e per ogni creatura”.

note

Immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA