Business | Articoli

Mancato versamento delle imposte: l’amministratore risarcisce la società

11 Marzo 2014 | Autore:
Mancato versamento delle imposte: l’amministratore risarcisce la società

La crisi di liquidità non giustifica il mancato pagamento delle imposte: amministratore condannato a risarcire la società per non aver adempiuto con diligenza al proprio incarico.

 

L’amministratore che non provvede al pagamento delle imposte è tenuto a risarcire la società poiché viola le regole previste dalla legge e dallo statuto e l’obbligo di diligenza nell’adempimento del proprio incarico.

È quanto affermato da una recente sentenza con cui la Cassazione [1] ha condannato due amministratori di una S.r.l. a risarcire il danno alla società, a causa del mancato pagamento dell’IVA e della tassa sui rifiuti.

L’amministratore è tenuto ad adempiere con diligenza all’incarico conferitogli dai soci e deve impegnarsi per garantire la corretta gestione del capitale sociale. In caso di inadempimento dei propri obblighi, con conseguente danno alla società e al suo patrimonio, egli è responsabile ed è tenuto al risarcimento. Tra questi obblighi vi è, ovviamente, quello di adempiere agli impegni fiscali con lo Stato.

La responsabilità dell’amministratore è esclusa solo quando l’inadempimento sia dipeso da una causa a lui non imputabile e che non poteva essere evitata neppure usando la massima diligenza, come nel caso, per esempio, di un furto in azienda che non poteva essere in alcun modo evitato.

Secondo i giudici, non costituisce invece causa di esclusione della responsabilità la crisi di liquidità in cui versa l’azienda. Dunque, l’amministratore che non versa le imposte dovute dalla società non può giustificarsi affermando che l’inadempimento è stato causato dall’impossibilità di disporre di liquidità sufficienti. In caso di crisi di liquidità, infatti, l’amministratore diligente potrebbe comunque provvedere al pagamento delle imposte convocando l’assemblea dei soci per deliberare l’aumento del capitale sociale o la liquidazione della società.

 


note

 

[1] Cass. sent. n. 5105 del 5.03.2014.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube