Diritto e Fisco | Articoli

Una donazione può essere annullata?

3 Dicembre 2019
Una donazione può essere annullata?

Revoca e annullamento della donazione: i casi in cui è possibile riprendersi un regalo già fatto o semplicemente promesso. 

Ci hai ripensato: dopo aver regalato a tua sorella un vecchio magazzino che avevi ereditato dai vostri genitori, si sta facendo spazio in te l’idea che quella donazione sia stata il frutto di un gesto avventato. Inizialmente intimorito dai costi che avrebbe potuto comportare la gestione dell’immobile, hai preferito liberartene. Ma ora, a mentre fredda, ritieni che potrebbe tornarti utile: hai infatti intenzione di mettere sù un’attività e quello spazio farebbe proprio al caso tuo. Ti chiedi pertanto se una donazione può essere annullata. È cioè possibile un ripensamento a distanza di tempo? 

La legge consente la revoca della donazione ma solo al ricorrere di particolari ipotesi che, per la verità, costituiscono casi limite piuttosto rari. Di tano parleremo qui di seguito. Chi quindi ha regalato soldi, titoli di credito, libretti al portatore o qualsiasi altro oggetto o bene a qualcun altro ha la possibilità di cancellare tutto ciò che ha fatto e riprendersi la sua roba.  

Oltre però alla revoca della donazione tratteremo anche un altro interessante aspetto che consente di mettere indietro le lancette dell’orologio rispetto all’atto di donazione: l’annullamento. Esso si verifica quando l’atto è viziato, ossia non è stato concluso nel rispetto delle forme e condizioni previste dalla legge. Peraltro, a differenza della revoca, in questo caso può agire chiunque, non solo il donante ma anche un terzo (ad esempio un suo familiare che ha interesse a mettere le mani su tale ricchezza). Tanto per fare un esempio, una donazione può essere annullata se il donante, in quel momento, era in uno stato di incapacità di intendere e volere, se non ha compreso il significato del proprio gesto per via di una malattia mentale (si pensi anche alla demenza senile) per quanto non “certificata” in uno stato di interdizione legale. Ed ancora una donazione può essere annullata se compiuta senza due testimoni. 

Inutile girarci attorno: passiamo subito agli approfondimenti di cui hai bisogno per comprendere quando la legge ti consente di revocare o annullare una donazione già fatta.  

Quando si può annullare una donazione

Iniziamo proprio dal capitolo più ampio: quello dell’annullamento della donazione. 

La legge stabilisce che la donazione debba avvenire nel rispetto di determinate condizioni che sono sia di forma che di sostanza. A tal fine dobbiamo distinguere tra donazioni di modico valore e altre donazioni.

Donazioni di modico valore 

In particolare, quando il bene donato è di modico valore, basta esprimere la semplice volontà di donare affinché questa si perfezioni e diventi vincolante. 

Geremia dice ad Antonio, in uno slancio di generosità, di voler regalargli la propria collezione di francobolli. «Non appena ci vedremo la prossima volta te la consegnerò». Poi però Geremia ci ripensa. In realtà, la donazione è già stata conclusa con la dichiarazione verbale e, quindi, a rigore, Geremia non può più tirarsi indietro. 

Al contrario, però, la semplice promessa di donare in futuro non ha alcun valore.

Marco fa un piacere all’amico Matteo. Matteo gli promette che, non appena avrà la possibilità economica, si sdebiterà e gli regalerà 500 euro. Dopo poco Matteo vince alla schedina e Marco gli ricorda la promessa. Matteo però non è tenuto ad onorare l’impegno preso perché non è possibile vincolarsi a una donazione futura.

La donazione si può perfezionare anche con un semplice gesto tacito ossia con la consegna dell’oggetto. Si pensi a chi regala a un amico il proprio cellulare usato. 

La donazione non può più essere oggetto di ripensamento, neanche se eseguita nella fretta o nell’emozione di un evento particolare.  

È praticamente impossibile annullare una donazione di modico valore per vizi di forma proprio per informalità con cui tale atto avviene. 

È tuttavia possibile annullare la donazione per vizi di sostanza. Questi sono, quasi sempre, i vizi relativi alla formazione della volontà. Poiché infatti, elemento essenziale della donazione è la consapevolezza di ciò che si sta facendo, se si fa una donazione in uno stato di incoscienza essa non ha valore. 

Ludovica si è ubriacata e, in quel momento, regala ad una amica la propria auto consegnatole le chiavi dopo che questa l’ha riaccompagnata a casa. Ludovica può, il giorno dopo, annullare la donazione perché compiuta in uno stato di incapacità.

Lo stato di incapacità può dipendere da: 

  • una infermità mentale riconosciuta dal tribunale e dichiarata con la interdizione o l’inabilitazione
  • oppure si può trattare di uno stato transeunte, dipendente da un singolo momento (l’assunzione di droghe, lo stato di ebbrezza, una patologia che si manifesta saltuariamente). 

Se nel primo caso però, per annullare la donazione non è necessario fornire alcuna prova oltre al certificato di interdizione o inabilitazione, nel secondo invece bisogna dimostrare che, nello specifico momento in cui è stata manifestata la volontà di donare, il donante era incapace di capire il senso delle proprie azioni. Anche la senilità, quando diventa patologica e sconfinante nella demenza, può essere causa di nullità della donazione.

Un altro vizio della volontà della donazione può derivare dall’errore del donante (ma di tanto parleremo meglio in seguito quando parleremo dei «motivi» della donazione). 

Tiberio riceve a casa un pacco postale per Natale: si tratta di un orologio d’oro. Ritenendo che il regalo provenga dall’amico Raffaele regala a questi un abbonamento per un anno allo stadio. Poi però Tiberio viene a sapere che l’orologio gli era stato invece regalato da un’altra persona. In tal caso può annullare la donazione a Raffaele.

Un altro vizio di sostanza della donazione riguarda l’oggetto della stessa. Non si può ad esempio donare una cosa non propria o una cosa che ancora non esiste. Allo stesso modo non è valida una donazione generica, che non indica cioè con precisione l’oggetto regalato.

Ugo dice alla nuova campagna Samanta di voler regalarle un gioiello preziosissimo. Ma non indica quale né glielo fa vedere. Dopo una settimana Samanta esige il dono. Ma Ugo può tirarsi indietro non avendo definito l’oggetto della donazione.

Donazioni di non modico valore

Per le donazioni di non modico valore è invece richiesta una forma speciale: in particolare la legge esige l’atto notarile e la presenza di due testimoni. Ecco perché in questo caso, oltre ai suddetti vizi di sostanza visti nel paragrafo precedente è possibile annullare la donazione anche per ragioni di forma.

Si considerano «di non modico valore» le donazioni di valore elevato rispetto alle disponibilità economiche del donante È sempre di valore elevato la donazione di un immobile. 

Se la donazione non avviene davanti al notaio quindi è nulla. Allo stesso modo è nulla la donazione che, pur effettuata allo studio del notaio, non menziona la presenza di almeno due testimoni.

Differenza tra vizi di forma e di sostanza della donazione

Abbiamo appena visto che la donazione può essere “cancellata” sia per vizi di forma (la donazione di non modico valore) che per vizi di sostanza (tutte le forme di donazione). Nel primo caso si parla di nullità della donazione. Nel secondo invece di annullamento della donazione.

La differenza è fondamentale. In entrambi i casi, la cancellazione della donazione si ottiene facendo causa al donante. Tuttavia: 

  • una donazione nulla può essere impugnata da chiunque vi abbia interesse, ossia da chi, a seguito della donazione, potrebbe vantare diritti sull’oggetto donato. Si pensi, oltre ovviamente allo stesso donante, ai suoi familiari che potrebbero essere suoi eredi. In più, la causa può essere intrapresa in qualsiasi momento, anche a distanza di numerosi anni. Non c’è quindi prescrizione o decadenza;
  • una donazione annullabile può essere intrapresa invece entro massimo 5 anni dalla conoscenza del vizio della donazione. 

Annullamento della donazione a causa dei motivi

La ragione che spinge una persona a donare è irrilevante per l’ordinamento. Tuttavia è possibile chiedere l’annullamento della donazione salvo nel caso in cui:

  • su di esso sia caduto l’errore del donante a condizione che risulti dal contratto e sia stato il solo motivo a determinare il donante a compiere la liberalità. A queste condizioni l’errore di fatto e di diritto sui motivi consente di impugnare la donazione;
  • sia illecito. Se il donante decide di attribuire un bene o un diritto per un motivo illecito, la donazione è nulla quando tale motivo risulta dal contratto ed è stato l’unico a determinare il donante a perfezionare il contratto.

Quando si può revocare una donazione

Diversa dalla nullità della donazione è la revoca. Questa può avvenire solo in presenza di due condizioni:

  • sopravvenienza di figli del donante, di cui questi non aveva conoscenza al momento della donazione (quindi anche se già concepiti). A tale situazione è equiparata la donazione di un figlio minorenne;
  • indegnità del donatario: ossia commissione di reati particolarmente gravi ai danni del donante o della sua famiglia.

Ingratitudine del donatario 

La donazione essere revocata per l’ingratitudine del donatario che ricorre quando quest’ultimo:

  • ha compiuto atti o tenuto comportamenti che coincidono con i casi di indegnità a succedere;
  • si è reso colpevole di ingiuria grave nei confronti del donante;
  • ha dolosamente provocato un grave danno al patrimonio del donante;
  • ha rifiutato indebitamente di corrispondergli gli alimenti a cui è tenuto chiunque riceva una donazione.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube