Diritto e Fisco | Articoli

Isee per trasporto pubblico

4 Dicembre 2019 | Autore:
Isee per trasporto pubblico

Trasporto pubblico locale e agevolazioni tariffarie: come ottenerle? Cos’è e come si calcola il modello Isee? Chi ha diritto agli sconti sugli abbonamenti?

Sicuramente saprai che lo Stato offre determinate agevolazioni a chi è in possesso di un reddito che è al di sotto dei limiti di legge: ad esempio, alle famiglie meno abbienti lo Stato riconosce sussidi economici, come il bonus bebè e il Reddito di cittadinanza, oppure sconti su bollette di luce, gas, telefono, ecc. Per godere di questi speciali vantaggi occorre però dimostrare la propria situazione economica complessiva, cioè non solo quella del singolo richiedente, ma anche di tutta la famiglia. Per fare ciò ci si avvale di una speciale strumento: il modello Isee. Devi sapere che l’isee può aiutarti anche per le agevolazioni nel trasporto pubblico.

Lo Stato, dunque, provvede ad aiutare chi ne ha più bisogno anche nel settore della mobilità pubblica, purché si dimostri di possedere un reddito inferiore al limite stabilito. Se ne vuoi sapere di più su questo argomento e pensi che anche tu possa avvalerti di questa agevolazione, prosegui nella lettura: vedremo cosa dice la legge a proposito dell’Isee per il trasporto pubblico.

Modello Isee: cos’è?

Il modello Isee serve a fotografare la situazione economica complessiva dei componenti di una famiglia così come risultante dai registri dell’anagrafe comunale. In pratica, con l’Isee si individua il patrimonio di un intero nucleo familiare.

L’Isee (acronimo che sta per Indicatore situazione economica equivalente), dunque, non può assolutamente identificarsi con la dichiarazione dei redditi, in quanto abbraccia la situazione economica complessiva della famiglia del richiedente.

Isee: patrimonio e reddito

Come anticipato, l’Isee individua la ricchezza posseduta da un nucleo familiare, il quale coincide con la famiglia anagrafica costituita dalle persone che coabitano nella stessa dimora nel medesimo Comune e sono unite da vincoli come il matrimonio, la parentela, l’adozione, l’affinità e i vincoli affettivi. È ciò che risulta dallo stato di famiglia, in pratica.

L’Isee è il frutto di un complesso calcolo che tiene in considerazione la ricchezza di una famiglia considerata nel suo complesso. Ad esempio, l’Isee tiene conto del patrimonio globale, dovendosi intendere l’insieme del patrimonio mobiliare e immobiliare posseduto dal nucleo familiare alla data del 31 dicembre dell’anno precedente.

L’Isee considera, ovviamente, anche la situazione reddituale, la quale si determina tenendo conto, tra le altre cose:

  • del reddito complessivo che risulta nella dichiarazione Irpef, esclusi i redditi esenti come le somme percepite a fini assistenziali o risarcitorie. Concorrono i redditi da lavoro percepiti all’estero o in zone di frontiera da residenti in Italia;
  • dei proventi agrari, cioè del reddito proveniente dalla dichiarazione Irap. Nel caso di svolgimento di attività in forma associata, si indicherà il reddito rapportato alla quota di partecipazione del soggetto nella società.

Isee: a cosa serve?

L’Isee è stato pensato per consentire ai cittadini italiani di godere delle agevolazioni che lo Stato mette a disposizione di coloro che non sono abbienti. Dunque, il modello Isee servirà per ottenere prestazioni sociali come: bonus bebè; reddito di cittadinanza; bonus luce e gas; sconto su bolletta del telefono e canone Rai; borse di studio e agevolazioni universitarie; sconti o esenzione dal ticket sanitario; ecc.

Isee: agevolazioni per trasporto pubblico

L’Isee è utile per poter ottenere agevolazioni e sconti per chi si avvale del trasporto pubblico? La risposta è positiva. Va subito detto, però, che sono le singole regioni a stabilire le condizioni alle quali è possibile accedere a tali benefici.

E così, colui che possiede un Isee inferiore al limite stabilito da provvedimento regionale, potrà acquistare abbonamenti per il trasporto in treno o autobus richiedendo la tariffa agevolata per servizi di trasporto pubblico locale della regione di riferimento.

Come ottenere sconti sul trasporto pubblico?

Per ottenere lo sconto sul trasporto pubblico dovrai per prima cosa informarti sulle condizioni stabilite dalla tua regione di appartenenza; solo successivamente potrai comprendere quali sono i tuoi diritti.

Ad ogni modo, se il tuo Isee è inferiore al limite stabilito dalla regione, allora potrai beneficiare della tariffa agevolata dell’abbonamento per il trasporto pubblico (treno o autobus) esibendo, al momento dell’acquisto, il documento di identità, il modello Isee e il modulo di richiesta abbonamento annuale debitamente compilato (puoi trovare il modello sul sito internet del trasporto pubblico locale della tua regione).

Alcune regioni mettono a disposizione un servizio internet che ti consente di stampare direttamente da casa il modello Isee-tpl, cioè l’Isee dedicato al trasporto pubblico locale: ti basterà esibire questa certificazione in luogo dell’interno modello Isee per ottenere la tariffa agevolata. È addirittura possibile esibire il tagliando in formato digitale, scaricando un’apposita app sul proprio smartphone. Il servizio è rimesso alla discrezionalità delle singole regioni.

note

Autore immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube