Diritto e Fisco | Articoli

Bonus prima casa anche se i requisiti li ha il coniuge che non ha firmato la vendita

26 Luglio 2013
Bonus prima casa anche se i requisiti li ha il coniuge che non ha firmato la vendita

Errata l’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate: è indifferente se chi ha i requisiti richiesti dalla legge non ha firmato l’atto di compravendita dell’immobile quando tra i coniugi vi sia la comunione legale.

 

Per ottenere l’agevolazione “prima casa”, non è necessario che i requisiti richiesti dalla legge li abbia colui che ha firmato l’atto notarile di acquisto dell’immobile; infatti li può avere anche l’altro coniuge, che non è figurato nella compravendita, purché tra i due viga il regime della comunione legale.

A dirlo è la Commissione Tributaria Regionale di Roma, con una recente sentenza [1].

Via libera dunque al bonus prima casa anche se solo uno dei coniugi, purché in comunione legale, possiede i requisiti legali ed anche se quest’ultimo non sia contraente nell’atto di compravendita dell’immobile. Ciò che conta, ai fini fiscali, è essere titolare dell’immobile, a prescindere da come ciò avvenga (se attraverso il notaio o, automaticamente, con la comunione legale): e, nel caso di comunione dei coniugi, la titolarità scatta anche se non si è firmato l’atto di acquisto del bene.

Infatti, lo scopo della legge è di dare alla famiglia una residenza adeguata. Pertanto, è errata la diversa interpretazione che offre l’Agenza delle Entrate con una circolare [2] secondo cui, quando l’altro coniuge non ha i requisiti di legge, al contribuente spetterebbe solo il 50% del regime agevolato.

Al contrario, il beneficio fiscale deve poter avvantaggiare chi acquista l’immobile e non solo chi stipula formalmente l’atto dal notaio. Del resto, la caratteristica della comunione legale è anche quella di fare in modo che gli effetti giuridici del regime che lega marito e moglie si riflettano anche sugli effetti fiscali.


note

[1] CTR di Roma sent. n. 597/14/12.

[2] Circolare n. 38/2005.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube