Diritto e Fisco | Articoli

Bonus tv decoder

4 Dicembre 2019 | Autore:
Bonus tv decoder

Nuovo digitale terrestre Dvb T2: cosa fare per non trovarsi impreparati? Cosa cambierà dal 2020? Chi ha diritto al bonus per l’acquisto di un nuovo decoder?

Sicuramente ricorderai cosa successe qualche anno fa, quando in Italia avvenne il passaggio al digitale terrestre che riguarò tutte le televisioni degli italiani: all’improvviso ci si ritrovò con televisori obsoleti non funzionanti, segnali difficili da ricevere, nuovi decoder, spese da sostenere, ecc. Insomma: una vera e propria rivoluzione. Ebbene, oggi siamo alle porte di un nuovo, importante cambiamento, in quanto è in arrivo il nuovo digitale terrestre Dvb T2, cioè una nuova tecnologia che, come ti spiegherò, costringerà molti italiani a dover adeguare i propri apparecchi. Proprio per venire incontro alla necessità di dover affrontare nuove spese, lo Stato ha messo a disposizione un bonus tv per l’acquisto del decoder.

In poche parole, le persone che posseggono un reddito inferiore ai limiti di legge possono ottenere un piccolo incentivo per poter acquistare un decoder che possa adeguare il proprio televisore al nuovissimo digitale terrestre che entrerà in vigore a partire dal primo gennaio 2020. Devi sapere, infatti, che a decorrere da tale data potresti non poter più vedere i tuoi programmi preferiti se la tua televisione non è in grado di ricevere il nuovo digitale terrestre. Prosegui nella lettura se vuoi saperne di più su questo argomento e, in particolare, sul bonus tv decoder.

Nuovo digitale terrestre: cos’è?

Non posso parlarti del bonus tv decoder se prima non ti spiego cos’è il nuovo digitale terrestre. A partire dal primo gennaio 2020, in Italia ci sarà il passaggio al digitale terrestre di seconda generazione, denominato Dvb T2 (acronimo che sta per Digital Video Broadcasting).

Sicuramente ricorderai la prima conversione al digitale terrestre, la quale, circa un decennio fa, comportò, una vera e propria rivoluzione, costringendo molti italiani a disfarsi dei vecchi tubi catodici a favore delle nuove televisioni che supportassero il digitale terrestre e l’altra definizione.

Il digitale terrestre di nuova generazione Dvb T2 comporterà un potenziamento del digitale terrestre già in uso attualmente, con vantaggi per quanto riguarda la definizione con cui si potranno vedere i programmi tv (cosiddetto ultra-hd oppure o 4k).

A cosa serve il digitale terrestre di nuova generazione?

Il passaggio al digitale terrestre di nuova generazione (Dvb T2) non comporterà solamente la possibilità di usufruire di una maggiore qualità video, ma favorirà anche l’avvento definitivo della rete 5G, quella utile alla connessione a internet di smartphone e tablet. Cosa significa?

Il nuovo digitale terrestre Dvb T2 consentirà di liberare la banda di trasmissione dei 700 MHz, ovvero le frequenze che vanno dai 694 ai 790 MHz, in vista dell’arrivo del 5G. In sostanza, si toglie una porzione di frequenze televisive per assegnare più spazio alle comunicazioni mobili cellulari.

Nuovo digitale terrestre: bisogna cambiare tv?

Veniamo ora al punto cruciale dell’articolo: il nuovo digitale terrestre obbligherà gli italiani a cambiare la loro televisione? Dipende: in linea di massima, tutti gli apparecchi acquistati a partire dal 2017 sono già predisposti per la ricezione del segnale Dvb T2; al contrario, i vecchi televisori potrebbero non essere adeguati per funzionare con il nuovo digitale terrestre.

Per scoprire se il tuo televisore supporta il nuovo digitale terrestre, è sufficiente verificarne le caratteristiche sul libretto di istruzioni oppure direttamente sull’apparecchio stesso: il bollino con il logo dbv-t2 e la sigla codec hevc di colore blu, nonché quello con il logo rosso dgtvi platinum, attestano la compatibilità della tv con il digitale terrestre di seconda generazione.

Un altro modo per poter comprendere se il tuo televisore è pronto o meno al nuovo digitale terrestre è quello di provare a visualizzare i canali che, già oggi, sono trasmessi in alta definizione: ad esempio, sintonizzandoti sul canale 501 dovresti vedere Rai 1 in Hd. Se i canali in alta definizione sono oscurati, oppure senti solo l’audio, vuol dire che il tuo apparecchio non è idoneo al nuovo digitale terrestre.

Se vuoi avere maggiore sicurezza circa l’idoneità della tua televisione a ricevere il digitale terrestre Dvb t2, consulta il sito del Ministero dello sviluppo economico dove, inserendo la marca e il modella della tua tv, potrai scoprire se è già predisposta per il nuovo digitale terrestre oppure no.

Quando comprare un nuovo decoder?

Nel caso in cui il tuo televisore non possa ricevere il nuovo segnale del digitale terrestre, allora hai due alternative:

  • la più costosa, cambiare la tv;
  • la più economica, acquistare un decoder che permetta al tuo vecchio televisore di ricevere il digitale terrestre di seconda generazione. È qui che entra in gioco il bonus decoder tv.

Bonus decoder tv: chi ne ha diritto?

Il bonus decoder tv è un piccolo incentivo economico destinato alle famiglie che, non potendo ricevere il nuovo digitale terrestre con la loro vecchia televisione, hanno bisogno di acquistare un nuovo decoder in grado di “leggere” i nuovi standard trasmissivi (Dvb T2).

Il bonus decoder tv spetta alle famiglie con isee non superiore a 20mila euro e sarà disponibile a partire dal 18 dicembre 2019 fino al 31 dicembre 2022. Il bonus consiste in uno sconto di massimo 50 euro sull’acquisto di un nuovo decoder idoneo a ricevere il nuovo digitale terrestre di seconda generazione.

Come chiedere il bonus decoder tv?

Il bonus decoder tv verrà erogato sotto forma di sconto praticato dal venditore sul prezzo del prodotto acquistato. Per ottenere lo sconto, i cittadini dovranno presentare al venditore una richiesta per acquistare una tv o un decoder beneficiando del bonus.

A tal fine dovranno dichiarare di appartenere ad un nucleo familiare di fascia Isee che non superi i 20mila euro e che altri componenti dello stesso nucleo non abbiano già fruito del bonus. Cliccando qui potrai scaricare il modello della domanda.

Ricorda che il bonus decoder tv è di massimo 50 euro; ciò significa che, se il decoder per il segnale Dvb T2 costa di più, dovrai pagare la restante parte mentre, se costa di meno, il bonus erogato coinciderà con il prezzo effettivo del decoder (ad esempio, se il nuovo decoder costa 30 euro, il bonus sarà pari a tale importo e non potrai ottenere la differenza).


note

Autore immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube