Politica | News

Mes: slitta la firma del Trattato

4 Dicembre 2019
Mes: slitta la firma del Trattato

Il trattato di riforma del Mes non sarà firmato entro dicembre: l’Eurogruppo oggi ha deciso che si farà all’inizio del 2020. Esclusi rinvii più lunghi.

Il trattato di riforma del Mes, il meccanismo europeo di stabilità noto anche come Fondo salva Stati, non sarà firmato entro dicembre ma “all’inizio dell’anno prossimo”. Lo ha detto il presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno, a margine della riunione dei ministri delle Finanze dei Paesi Ue svolta oggi a Bruxelles; la sua dichiarazione è stata riportata dall’agenzia stampa Adnkronos.

Nel corso dell’Eurogruppo di oggi “prenderemo atto” della riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità, sulla quale “abbiamo lavorato molto quest’anno” e sulla quale “abbiamo preso una decisione in giugno”, con “la prospettiva di firmare i cambiamenti del trattato all’inizio dell’anno prossimo”, dichiara Centeno.

Non vediamo la necessità” di rinvii più lunghi dell’approvazione della riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità per consentire di modificarla. “Stiamo lavorando sugli aspetti tecnici ora: l’accordo politico è stato raggiunto ed è importante che ci sia un dibattito politico in tutti gli Stati membri. Di certo i ministri lo sottolineeranno: non vedo spazio” per rinvii lunghi, aggiunge il presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno.

Il fatto che la firma del trattato sulla riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità venga prevista per l’inizio dell’anno venturo, a quanto si apprende da fonti europee, non comporta alcun rinvio rispetto alla tabella di marcia che era originariamente prevista: se anche oggi nell’Eurogruppo tutti i ministri concordassero sulla riforma in cinque minuti, non si riuscirebbe ad arrivare alla firma del trattato prima della fine del 2019, perché i singoli Paesi hanno procedure nazionali diverse che richiedono un po’ di tempo per essere completate.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube