Contraccezione: arriva la pillola “magica”

5 Dicembre 2019
Contraccezione: arriva la pillola “magica”

Per non avere figli non bisognerà più fare lunghi programmi farmaceutici o ricorrere alla pillola del giorno dopo.

Non vuoi avere figli? Hai rapporti con il tuo partner e non ami il preservativo? Ecco che arriva una nuova soluzione dalla medicina che evita tutte le più tradizionali – e a volte rischiose – tecniche contraccettive.

Sembra studiata per evitare pericolose dimenticanze la nuova pillola contraccettiva da prendere solo una volta al mese. La notizia, comunicataci dalla nostra agenzia stampa Adnkronos, proviene dagli Usa dove un team guidato dai ricercatori del Brigham and Women’s Hospital e del Mit di Boston sta progettando il nuovo farmaco, proprio per migliorare l’aderenza alla terapia e ridurre il rischio di gravidanze indesiderate. 

Basandosi su ricerche precedenti, mirate allo sviluppo di pillole a lento rilascio per diverse patologie, il team spiega su ‘Science Translational Medicine’ di aver sperimentato per la prima volta con successo la pillola da prendere ‘una volta al mese’ in modelli preclinici.

«La nostra capsula rappresenta un importante progresso verso l’offerta alle donne di un contraccettivo da assumere solo una volta al mese. Per molti, questo può essere difficile da credere. Ma i nostri dati preclinici ci stanno incoraggiando lungo quella strada», ha assicurato Giovanni Traverso, gastroenterologo e ricercatore del Brigham and Women’s Hospital e del Mit, autore dello studio. 

«Abbiamo iniziato il nostro studio sul rilascio prolungato di farmaci lavorando con terapie per la malaria, la tubercolosi e l’Hiv. Ma abbiamo anche riflettuto sul potenziale impatto che il rilascio prolungato di farmaci potrebbe avere sulla pianificazione familiare. Volevamo aiutare le donne nel controllo della fertilità, e siamo lieti di riferire i nostri progressi».

Il team ha progettato un sistema di rilascio del farmaco composto da sei braccia unite da un nucleo con rivestimento elastico. Le braccia sono state ‘caricate’ con il farmaco contraccettivo orale levonorgestrel e ripiegate in una capsula che può essere ingerita. Una volta nello stomaco, le braccia si aprono, ‘agganciandosi’ e aiutando così il dispositivo a rimanere nello stomaco, dove può rilasciare il farmaco lentamente, nel corso del tempo.

Il team ha testato il contraccettivo orale nel tempo in un modello animale (il maiale), misurando la presenza del farmaco nel flusso sanguigno dei suini cui era stata somministrata la forma a rilascio prolungato, e di altri che avevano assunto una compressa a rilascio immediato. Se nel secondo caso il dosaggio si è ridotto dopo sei ore, con il rilascio prolungato il team ha osservato concentrazioni del farmaco fino a 29 giorni. Sono attualmente in corso ulteriori studi per portare la pillola da prendere una volta al mese ai test sull’uomo, o meglio sulla donna. I prossimi passi includeranno le valutazioni di sicurezza, fanno sapere i ricercatori.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube