Diritto e Fisco | Articoli

Lauree: il boom dei 110 e lode

30 luglio 2013


Lauree: il boom dei 110 e lode

> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 luglio 2013



Lauree con lode e 100 all’esame di maturità: la scuola è diventata più buona?

Un boom di 110 e lode: saranno forse diventati più magnanimi i docenti o più dotati gli studenti, fatto sta che il Ministero dell’Istruzione ha appena diffuso dati che dimostrerebbero un’inflazione delle lauree con il massimo dei voti. Sono stati analizzati il 90% degli atenei italiani: un dato, dunque, da cui non sfugge (quasi) nessuno.

Le maniche larghe cominciano alle scuole superiori.

I maturati con lode sono lo 0,7% (la crescita è dello 0,1% rispetto all’anno precedente), per un totale di quasi 3.000 studenti. Più alta la crescita dei 100: dal 4,4% si è passati al 4,8% in un solo anno. L’oscar delle “maniche larghe” spetta alla Calabria (8,1%), seguita da Puglia (6,9%), Marche (6,0%), Sicilia e Umbria (5,6%). Ad essere più “buoni” sono i professori dei licei piuttosto che quelli delle scuole tecnico-professionali.

In generale, comunque, i voti crescono come lievito. Aumentano gli studenti che portano a casa voti tra 81 e 99.

Tutti questi numeri avranno un’importanza maggiore rispetto al recente passato dal momento che, per la prima volta, nei test d’ingresso alle università a numero chiuso ci sarà il cosiddetto “bonus maturità“. Che potrà variare da 1 punto in più di chi ha avuto 80 ai 10 di chi ha ottenuto la lode, purché gli stessi studenti rientrino, come prevede il decreto ministeriale del 12 giugno scorso che l’ha riformato, nel 20% dei più bravi valutato dalla stessa commissione.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI