HOME Articoli

Lo sai che? 5 regole d’oro per affittare casa senza problemi

Lo sai che? Pubblicato il 30 luglio 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 30 luglio 2013

Ecco le semplici regole da seguire quando si affitta casa per evitare imprevisti sia per il proprietario che per l’affittuario.

Affittare casa, specie se si fa senza l’assistenza di un legale e con un contratto scaricato da internet, può essere assai insidioso. Ecco dunque cinque regole d’oro da tenere bene a mente per evitare alcuni dei principali problemi.

1. Il contratto di locazione a uso abitativo, per essere valido, deve essere obbligatoriamente redatto in forma scritta [1].

2. Entro 30 giorni dalla stipula è obbligatorio procedere alla registrazione del contratto. A tale adempimento può provvedere sia il locatore (proprietario) che il conduttore (affittuario).       

3. Bisogna indicare nel contratto il canone effettivo corrisposto dal conduttore e rifiutare proposte di versamenti extra di cui potrebbe poi essere richiesta la restituzione.

La legge infatti stabilisce la nullità di ogni accordo diretto a pretendere un importo del canone superiore a quello risultante dal contratto scritto e registrato [2].

Comunque, nel caso di versamento del canone in misura superiore rispetto a quella realmente dovuta, entro 6 mesi dalla riconsegna dell’immobile il conduttore può rivolgersi al Tribunale per richiedere la restituzione delle somme pagate in eccedenza (sono inoltre nulli i patti volti a derogare ai limiti di durata del contratto previsti dalla legge).

4. È sempre bene pretendere il versamento del deposito cauzionale per tutelarsi da eventuali danni che potrebbero essere causati all’immobile dal conduttore o da altre sue inadempienze.

Il deposito ha la funzione di garantire il corretto adempimento da parte del conduttore dei propri doveri che consistono nel regolare pagamento del canone e nell’utilizzare con diligenza l’immobile affittato.

Al termine della locazione, il locatore deve restituire la cauzione ricevuta maggiorata degli interessi, a meno che non la trattenga, anche in parte, per sopperire a eventuali inadempimenti del conduttore o a eventuali danni provocati all’unità immobiliare.

5. Se l’appartamento viene affittato già ammobiliato è bene far sottoscrivere al conduttore l’elenco dettagliato dei mobili consegnati (il cosiddetto inventario).

Sarebbe anche opportuno intestare i contratti di tutte le utenze domestiche direttamente all’affittuario.

note

[1] Art. 1 c. 4 L. 431/98

[2] Art. 13 c. 1 L. 431/98


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI