Diritto e Fisco | Articoli

Nulla la cartella di pagamento con solo il bollettino di versamento e non il corpo dell’atto

31 Luglio 2013
Nulla la cartella di pagamento con solo il bollettino di versamento e non il corpo dell’atto

In caso di comunicazione spedita da Equitalia nella busta con raccomandata a.r. e non in un plico, se il destinatario contesti il contenuto della busta medesima, spetta al mittente l’onere di provare il contenuto medesimo.

È nulla la cartella di pagamento inviata da Equitalia se il contribuente dichiara che in essa era contenuto solo il bollettino di versamento e non tutto il residuo corpo dell’atto: infatti spetta ad Equitalia dimostrare il reale contenuto della busta spedita con la raccomandata.

È la Cassazione a firmare questa sentenza [1]. La Corte ha dato ragione a un contribuente che sosteneva di aver ricevuto soltanto il bollettino di versamento e non l’intero corpo della cartella di pagamento. È stata respinta invece la tesi dell’agente della riscossione, secondo cui la sola relata di notifica sarebbe sufficiente a provare il contenuto della busta spedita con raccomandata. Una tesi, quest’ultima, che secondo i giudici di merito e la Cassazione non è sostenibile, in quanto l’onere della prova del reale contenuto dell’atto notificato resta sempre a carico di chi spedisce la raccomandata. È quest’ultimo soggetto, infatti, che deve provare cosa conteneva la raccomandata.

In altri termini, in questo caso, Equitalia ha notificato la cartella di pagamento con invio diretto della raccomandata postale, che – come ogni atto pubblico – fa fede solo delle circostanze che ivi sono attestate, tra le quali non figura la certificazione circa l’integrità dell’atto contenuto nel plico o la corrispondenza tra l’originale dell’atto e la copia notificata.


In caso di comunicazione spedita in busta raccomandata e non in un plico, se il destinatario contesti il contenuto della busta medesima, è onere del mittente provarlo.

note

[1] Cass. sent. n. 18252 del 30.07.13.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube