Diritto e Fisco | Articoli

Sigaretta elettronica vietata ai minori di 18 anni

31 Luglio 2013
Sigaretta elettronica vietata ai minori di 18 anni

Sigarette elettroniche vietate agli under 18: pubblicato il provvedimento del Ministero della Salute.

Da ieri le sigarette elettroniche non possono essere più vendute ai minorenni. Così ha stabilito il Ministero della Salute, con ordinanza pubblicata il 29 luglio scorso in Gazzetta Ufficiale [1].

Le sigarette elettroniche vietate ai minori degli anni 18 sono solo quelle contenenti nicotina, cioè le più diffuse. Il Ministero ha inoltre previsto il divieto di consumo di questo prodotto nelle scuole e nei locali adiacenti ad esse purché dentro i cancelli (per esempio i cortili scolastici, gli androni o le palestre all’aperto).

A controllare che le suddette disposizioni siano rispettate sarà l’autorità sanitaria, di concerto con gli organi di polizia giudiziaria, punendo i trasgressori con la multa, così come accade per chi fuma nei locali pubblici.

Introdotta per contrastare la dipendenza da tabacco, la sigaretta elettronica è ancora un oggetto misterioso e non è ben chiaro se effettivamente sia più salutare rispetto a una normale “bionda”. Recenti studi hanno dimostrato che l’e-cig rilascia in media un terzo della nicotina vaporizzata da una sigaretta tradizionale: secondo alcuni test condotti oltre oceano, nelle e-cig con maggiore erogazione di nicotina, ossia 16 mg, 10 aspirazioni determinano l’assunzione di soli 0,3 mg di sostanza, contro gli 0,9 di un normale sigaretta.


note

[1] Ordinanza del Ministero della Salute del 26.06.2013, rubricata “Divieto di vendita ai minori di sigarette elettroniche con presenza di nicotina e divieto di utilizzo nei locali chiusi delle istituzioni scolastiche”, pubblicata in G.U. il 29.07.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube