Diritto e Fisco | Articoli

Vicino di casa fuma canne: che fare?

8 Dicembre 2019 | Autore:
Vicino di casa fuma canne: che fare?

Cosa rischia chi fuma uno spinello? Quando drogarsi è reato? Si può denunciare il vicino di casa che fuma marijuana? Cosa fare se l’odore arriva fino in casa?

Il dibattito sulle sostanze stupefacenti non è mai del tutto sopito. È giusto legalizzare le droghe cosiddette leggere? Bisognerebbe prevedere pene anche per i consumatori? Lo Stato italiano dovrebbe bandire del tutto ogni tipo di droga, oppure aprirsi a quelle meno pericolose? In mezzo a tante incertezze, v’è però un punto fermo: ad oggi, in Italia non è reato assumere sostanze stupefacenti, purché non se ne detenga anche per finalità di spaccio. Questa necessaria premessa ci aiuta a comprendere il quesito a cui risponderemo nel corso di questo articolo: cosa fare se il vicino di casa fuma canne?

Un esame superficiale della problematica potrebbe indurre a ritenere che, se il vicino di casa si fa gli spinelli, non sia questione che ci riguardi; in parte è vero, ma bisognerebbe considerare anche altri aspetti, come ad esempio la circostanza per cui drogarsi, seppur non costituisca sempre reato, può essere una condotta sanzionata in via amministrativa; inoltre, la detenzione ai fini di spaccio è un reato procedibile d’ufficio e, pertanto, chiunque può farne denuncia alle autorità. Se ritieni che l’argomento possa interessarti, prosegui nella lettura: vedremo insieme che fare se il vicino di casa fuma le canne.

Canne e spinelli: sono legali?

Partiamo subito da un presupposto: farsi le canne o gli spinelli non costituisce reato. Tuttavia, può diventarlo nel caso in cui ci si trovi in particolari circostanze: ad esempio, chi fuma della marijuana non può poi mettersi alla guida, pena il rischio di incorrere nel reato di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti [1].

Dunque, chi decide di consumare della droga (di qualunque tipo, leggera o pesante che sia) non commette alcun reato. Ciò non significa, però, che spinelli e canne siano completamente liberi in Italia: se è vero che l’uso personale non è sanzionabile penalmente, è altrettanto vero che la legge prevede una serie di sanzioni di tipo amministrativo per chi assume sostanze stupefacenti.

Cosa rischia chi si fa le canne?

Come detto sul finire del paragrafo superiore, la detenzione di droga per uso personale non costituisce reato, ma illecito amministrativo. Secondo la legge, le sanzioni amministrative previste per chi viene trovato in possesso di droga sono:

  • sospensione della patente di guida, del certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori o divieto di conseguirli per un periodo fino a tre anni;
  • sospensione della licenza di porto d’armi o divieto di conseguirla;
  • sospensione del passaporto e di ogni altro documento equipollente o divieto di conseguirli;
  • sospensione del permesso di soggiorno per motivi di turismo o divieto di conseguirlo se cittadino extracomunitario [2].

Quando canne e spinelli diventano reato?

Farsi le canne o gli spinelli non è reato; lo è, però, quando avviene la cessione ad altri. Secondo la legge [3], chiunque, senza autorizzazione del ministero, coltiva, produce, fabbrica, estrae, raffina, vende, offre o mette in vendita, cede, distribuisce, commercia, trasporta, procura ad altri, invia, passa o spedisce in transito, consegna per qualunque scopo sostanze stupefacenti o psicotrope, è punito con la reclusione da sei a venti anni e con la multa da 26mila a 260mila euro. Le pene sono ridotte (reclusione da sei mesi a quattro anni e multa da 1.032 a 10.329 euro) nei casi di minore gravità, cioè quando il quantitativo posseduto sia modesto oppure si tratti di droghe leggere.

Dunque, la vendita o anche soltanto la cessione gratuita di spinelli e canne è reato, in quanto la condotta costituisce uno spaccio vero e proprio. Ugualmente, commette reato chi detiene (in casa, in auto, ecc.) un gran numero di dosi di erba, marijuana, hashish o di qualsiasi altra sostanza stupefacente, quando non è verosimile che il quantitativo detenuto sia per esclusivo uso personale.

Cosa devo fare se il mio vicino fuma gli spinelli?

Veniamo al punto cruciale dell’intero articolo: cosa fare se il vicino fuma le canne? Ebbene, come detto sinora, non si tratta di condotta penalmente illecita e, pertanto, il vicino non potrà essere soggetto a processo penale.

Tuttavia, una denuncia alle autorità potrebbe far scattare i controlli da parte delle forze dell’ordine, le quali potrebbero essere insospettite dal fatto che ci sia una persona che, evidentemente, tiene con sé della droga e, in qualche modo, se la procura.

E infatti, chi fuma le canne è in possesso di droga, e questa droga: o è acquistata da uno spacciatore; oppure è “autoprodotta”, nel senso che chi la fuma ne ha una coltivazione. Nel primo caso, le autorità saranno interessate a risalire allo spacciatore per arrestarlo; nel secondo, invece, la polizia potrà procedere all’arresto dello stesso coltivatore, in quanto la coltivazione di marijuana o di qualsiasi altra droga costituisce sempre reato.

Devo denunciare il vicino che fuma le canne?

Se il tuo vicino si fa le canne potresti fare un esposto alle autorità (polizia, carabinieri oppure direttamente alla Procura della Repubblica competente) affinché intervengano per verificare la sussistenza di eventuali reati, tipo la detenzione ai fini di spaccio oppure la coltivazione di sostanze stupefacenti. Non potresti invece denunciarlo per il semplice fatto di farne uso in quanto, come spiegato, la droga per uso personale non costituisce reato.

Ricorda, però, che non sei obbligato a denunciare il vicino che si fa le canne, nemmeno se lo vedessi nell’atto di cederle a terzi oppure di coltivare la droga: secondo la legge italiana, infatti, solamente in casi eccezionali scatta l’obbligo di denuncia in capo al privato cittadino. Ciò significa che, se vedi che il tuo vicino, oltre che farsi le canne, ne fa anche spaccio, puoi sporgere denuncia alle autorità ma, se non lo fai, non ti accadrà nulla.

Odore di marijuana fumata dal vicino: che fare?

Diverso è il problema nel caso in cui l’odore della marijuana fumata dal tuo vicino di casa giunga fino a te, provocandoti non poco fastidio. Cosa fare in questa circostanza? Ebbene, se non vuoi allertare subito le autorità, potresti far presente al tuo vicino che la sua condotta ti crea dei disagi; nel caso in cui, a seguito di tale avvertimento, egli non desistesse, potrai allora segnalare il fatto ai carabinieri o alla polizia, che provvederanno ad effettuare i dovuti controlli, con le possibili conseguenze (anche penali, ove ne ricorressero gli estremi) viste sopra.

note

[1] Art. 187 cod. str.

[2] Art. 75, D.p.r. 309/90.

[3] Art. 73, D.p.r. 309/90.

Autora immagine: 123rf.com


2 Commenti

  1. Vicino di casa pippa la cocaina? Cosa ci puoi fare ? NULLA !!!!!!!!! perché non fa odore.
    Smettete di rompere le scatole a chi si vuole fare una canna o una pianta imparate che a volte facendosi gli affari propri non si sbaglia mai.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube