Tumori: quali sono i bambini più a rischio

8 Dicembre 2019
Tumori: quali sono i bambini più a rischio

Secondo uno studio, i bambini non sono tutti uguali di fronte al cancro. 

I piccoli con leucemia mieloide acuta (Lma) che vivono nei quartieri poveri hanno una probabilità 2,4 volte maggiore di morire, rispetto a quelli che abitano in zone a reddito medio-alto. E’ il risultato di uno studio presentato a Orlando, in Florida, al 61esimo Congresso dell’American Society of Hematology (Ash).

L’analisi fotografa un fenomeno meno lontano da noi rispetto a quanto si potrebbe pensare: “Anche in Italia – commenta all’AdnKronos Salute Fabrizio Pane, direttore Uoc Ematologia e Trapianto di midollo del Policlinico universitario Federico II di Napoli – basta vivere in una famiglia non abbiente, che non può contare su un caregiver o che magari risiede in un’area poco collegata come una piccola isola, per avere un minore accesso alle cure e una prognosi peggiore“.

Ma la ricerca sulle chance dei bimbi con Lma è ancora più “allarmante”- sottolineano gli autori dell’Ucsf Benioff Children’s Hospital di San Francisco e del Children’s Hospital di Philadelphia – considerando che riguarda quasi 1.500 partecipanti a sperimentazioni cliniche disegnate ad hoc per essere “rigorosamente inclusive”. Invece emerge che, a fronte di una sopravvivenza del 68% circa a 5 anni dalla diagnosi nelle aree a reddito medio-alto, nelle zone a basso reddito il dato scende al 61% per crollare al 43% tra i pazienti più poveri.

“Ci aspettavamo di trovare una differenza, ma non così sostanziale”, confessa Lena E. Winestone del Benioff Children’s Hospital, che avverte: “Più persone diventeranno consapevoli del problema, e più potremo migliorare”.

Gli studiosi non hanno definito con precisione le possibili ragioni di questa ‘forbice’, ma una delle ipotesi è che “lo stress tossico legato a uno stato socio-economico inferiore possa pesare sulle risposte dei pazienti alla chemio e all’immunoterapia“, riflette Winestone che con il suo team si propone di approfondire i perché di “un gap drammatico”. Mentre lavori precedenti avevano indagato sull’influenza di fattori come l’etnia, questo viene descritto come “il primo a concentrarsi sullo stato socio-economico quale elemento chiave nel determinare le diverse chance che i piccoli hanno di sopravvivere a un tumore“.

Al tema ‘Medicina inclusiva’ sono dedicati numerosi abstract protagonisti al summit dell’Ash, restituendo un quadro a luci e ombre: “Se molti studi offrono evidenze incoraggianti del fatto che le minoranze e i malati più anziani ricevono benefici simili dai trattamenti anti-cancro – osservano gli esperti Usa – da altri emergono ancora differenze significative in termini di accesso alle cure e di risultati clinici, indicando il bisogno urgente di più sforzi contro le disparità sanitarie“. Ammonisce Laura Michaelis del Medical College of Wisconsin: “L’inclusione è la sfida giusta da vincere non solo per i nostri pazienti e le nostre comunità, ma anche se l’obiettivo che vogliamo centrare è davvero quello di una medicina che arriva al bersaglio”.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube