Lavoro e Concorsi | Articoli

Lavori più richiesti in Italia

9 Dicembre 2019
Lavori più richiesti in Italia

Negli ultimi anni, è esploso l’interesse verso il tech. Ecco quali sono le posizioni più ricercate.

Quali sono i lavori più richiesti in Italia e, più in generale, in Europa? A svelarlo sono i dati di una nuova ricerca ‘State of European Tech Report 2019 di Atomico’, svolta da Indeed, uno dei siti più conosciuti e utilizzati da chi cerca e offre lavoro.

Come riporta la nota stampa che La Legge per Tutti ha appena ricevuto dall’agenzia Adnkronos, lo studio ha esaminato dati relativi a dodici paesi per mostrare le tendenze nel mercato del lavoro tech dal 2017 al 2019. Prendendo in considerazione ricerche di, ad esempio, ‘programmatori software’, ‘programmatore’ e ‘web developer’, lo studio ha indicato quali sono i paesi più richiesti per le ricerche transnazionali o locali.

Ricerche di lavoro per ruoli tech

Tra i paesi esaminati, l’Italia ha registrato la percentuale più alta di ricerche di lavoro in ambito tech, in proporzione alle ricerche di lavoro totali. Le ricerche di lavoro per ruoli tech ammontano a 7.340 per milione, con un incremento del 24% negli ultimi due anni.

Tra i paesi presi in esame, il Belgio ha la percentuale più bassa di ricerche di lavori tech, con 3.038 per milione, ma mostra segnali di rapida crescita, con le ricerche quasi raddoppiate negli ultimi due anni. L’analisi dettagliata delle ricerche italiane suggerisce che la maggioranza dei lavoratori in ambito tech residenti in Italia intende restare nel Bel Paese, le ricerche locali risultano essere, infatti, pari all’89%.

In Europa, le ricerche italiane di posti di lavoro tech ammontano al 6% delle ricerche complessive, sempre riferite al tech; negli Usa ammontano al 5%, mentre le ricerche per il resto del mondo sono inferiori all’1%.

Tra i paesi presi in esame, l’Italia figura al quarto posto per le ricerche locali, dopo Usa, Regno Unito e Paesi Bassi. Le ricerche di lavori tech italiani dall’estero ammontano al 5% delle ricerche complessive, sempre in ambito tech. La Danimarca vanta l’interesse massimo da parte degli stranieri, con ricerche dall’estero pari al 38% delle ricerche di lavori tech totali in quel paese. Seguono a ruota Irlanda (22%), Spagna (20%) e Portogallo (18%).

Quali sono le posizioni più ricercate?

Secondo Dario D’Odorico, senior director di Indeed: “Questi dati ci insegnano molto. Soddisfare il 38% delle posizioni di software engineer pubblicate è una sfida, inoltre si tratta di posizioni che rimangono aperte per oltre sessanta giorni, cosiddette ‘hard to fill’. Le persone con queste competenze che sono alla ricerca di lavoro sono in una condizione favorevole, hanno più probabilità che le posizioni più difficili da coprire abbiano stipendi più alti; i datori di lavoro faranno a gara per attirare talenti”.

Per le ricerche complessive di lavori tech, Indeed ha misurato il numero relativo di ricerche per paese, riferito agli annunci di lavori tecnologici come quota di ogni milione di ricerche sul sito Indeed locale, per ciascun paese. Per le ricerche Usa di lavori tech in Europa e Regno Unito, Indeed ha studiato la percentuale di ricerche totali di annunci di lavori chiave in ambito tech sul sito locale Indeed provenienti da indirizzi IP non nativi, ossia al di fuori del paese specifico. I lavori tech comprendono software engineer, programmatore.


3 Commenti

  1. Con l’avvento della tecnologia, ormai tutti i lavori più ricercati sono focalizzati su questo settore. E’ pieno di ingegneri informatici, sono figure ricercatissime sia in Italia che all’estero. Poi, con i social sono spuntati fuori altri ruoli che un tempo ci sognavamo.. Una volta, medici, avvocati, architetti. questi erano i lavori più ambiti da chi andava all’università. Ora, figuratevi che hanno pure inserito una facoltà per diventare influencer (e questa cosa sinceramente per me è assuda).

  2. Sono sempre più tentato a lasciare l’Italia… Sono sfiduciato dalla nostra realtà. Tanti sforzi, tanti sacrifici, tante rinunce… Forse, partire in questi casi non significa scappare, ma rinascere e dare inizio ad una nuova vita quando non abbiamo più niente da perdere, quando non abbiamo più radici, quando abbiamo perso le ragioni che ci trattenevano in un posto… E forse cambiare e respirare una nuova aria non può farci che bene, forse stravolgere il proprio destino può renderci felici… Scusate il mio sfogo la legge per tutti, ma purtroppo mi sono trovato a perdere tutto di colpo e la vita talvolta ti dà dei segni. A volte, trasferirti e realizzare i tuoi sogni, non costringerti a fare un lavoro solo perché altrimenti non troveresti altro, solo perché ti garantisce uno stipendio da capogiro, ma non ti rende felice, non serve a nulla. Penso che ognuno debba realizzarsi, seguire i propri obiettivi a prescindere da queste stime di mercato. Chi fa lavori di ripiego non riuscirà mai bene in quello che fa. Bisogna combattere ogni giorno e studiare, lavorare sodo.

  3. Sono un ingegnere elettronico di sessant’anni specializzato in informatica, laureatosi presto e brillantemente. Dopo tanto studio, impegno, sacrificio e disponibilità, come tanti miei colleghi di università (che non sono andati a lavorare a l’estero), siamo stati sottopagati per anni; per questo sono passato subito al settore commerciale per poi cambiare attività, come hanno fatto quasi tutti i miei colleghi, ormai lontano dalle tecnologie. Sapevo che prima o poi ci sarebbe stata una carenza di ingegneri: perchè sono errori di programmazione prevedibili che in Italia si fanno continuamente. Ma un paese che fa fuggire i cervelli per ospitare extracomunitari illegali per me non merita nulla. Per questo ho deciso di vivere all’estero.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube