Diritto e Fisco | Articoli

Decreto clima: cosa prevede?

10 Dicembre 2019
Decreto clima: cosa prevede?

Il primo decreto legge ambientale realizzato in Italia. Ecco cosa prevede.

La Camera ha votato la fiducia posta dal Governo sul decreto legge clima, fortemente voluto dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa. A favore, 305 voti, 215 i contrari.

Proprio ieri, il ministro Costa, in una nota stampa dell’agenzia Adnkronos, affermava che “In questi giorni diventerà legge il decreto clima, un provvedimento che guarda oltre questa legislatura  per incidere su una programmazione economica con una visione plurigenerazionale”.

“Il decreto interverrà con misure urgenti nei settori considerati più vulnerabili ai cambiamenti climatici, con l’obiettivo di incentivare comportamenti e azioni virtuose in tempi brevi”. “Un contributo concreto -aggiunge Costa- affinché si segni una svolta nelle politiche ambientali italiane, iniziando a dare attuazione al Green New Deal”.

Ma quali sono i punti principali del Decreto clima? Le novità riguardano: il trasporto scolastico ecologico; la trasparenza dei dati ambientali; la riforestazione Urbana; la nascita delle Zea (zone economiche ambientali); il programma Italia VerdeFondo per il rimboschimento e la tutela ambientale e idrogeologica delle aree interne; la realizzazione di green corner; la trasformazione del Cipe in Cipess; l’istituzione di caschi verdi per l’ambiente; la promozione di una campagna informativa nelle scuole.

Buono mobilità

Sono stanziati fino a 1500 euro per la rottamazione dell’auto fino alla classe euro 3 e fino a 500 euro per i motocicli sino agli euro 2 e 3 a due tempi. Un totale di 255 milioni di euro che può essere reinvestito in servizi ambientalmente sostenibili come gli abbonamenti al trasporto pubblico locale o regionale, gli acquisti di biciclette, l’utilizzo di servizi di mobilità condivisa e di altri servizi simili.

Comuni

E’ stato istituito un fondo di 40 milioni per i Comuni finalizzato alla realizzazione, al prolungamento, all’ammodernamento o alla messa a norma di corsie preferenziali.

Trasporto scolastico

Per realizzare o implementare il trasporto scolastico con mezzi ibridi, elettrici per i bambini di elementari e medie è stato istituito un fondo di 20 milioni, sempre da destinare ai Comuni.

Riforestazione 

30 milioni per 2020 e 2021 per piantumazione e reimpianto di alberi, silvicoltura, creazione di foreste urbane e periurbane nelle città metropolitane.

Zea: cosa sono?

Nascono le zone economiche ambientali che prevedono agevolazioni e vantaggi fiscali per i Comuni ricadenti nelle aree parco e per chi volesse aprire attività imprenditoriali ecosostenibili al loro interno.

Discariche e depurazioni

Saranno aumentati i poteri, le risorse e gli uomini ai Commissari che si occupano di bonificare le discariche abusive e della depurazione delle acque.

Capitale Verde d’Italia

Ogni anno, un comitato istituito presso il ministero dell’Ambiente premierà la città “Capitale Verde d’Italia”, cioè la città che avrà presentato i progetti di riconversione green più innovativi ed efficaci. Attraverso un fondo di 3 milioni per ciascuno degli anni 2020, 2021, 2022, si darà alla città l’opportunità di realizzare i progetti.

Dati ambientali

I concessionari di servizi pubblici dovranno rendere disponibili in rete, in formato aperto e accessibile, i risultati delle rilevazioni effettuate. Entro 6 mesi, i gestori di centraline e di sistemi di rilevamento automatico dell’inquinamento atmosferico, della qualità dell’aria e di altre forme di inquinamento e i gestori del servizio idrico dovranno assicurare la visualizzazione delle informazioni. Il tutto sarà raccolto in un database pubblico realizzato da Ispra con 1,5 milioni di euro.

Green corner

I negozi, a partire da quelli piccoli e dalle botteghe, saranno dotati di green corner per la vendita di prodotti sfusi. Parte la sperimentazione per la promozione dell’apertura di nuovi negozi interamente green. 40 milioni di euro per ciascuna di due annualità; per i commercianti, fino a 5mila euro per la realizzazione dei green corner.

Macchinette mangia plastica

Con 27 milioni di euro si finanzieranno i Comuni e gli esercizi commerciali della grande distribuzione che vorranno dotarsi delle cosiddette macchinette mangia-plastica, che raccolgono bottiglie di plastica e restituiscono in cambio un piccolo bonus.

Caschi verdi per l’ambiente

Saranno istituiti i ‘caschi verdi per l’ambiente’, da impiegare per iniziative di collaborazione internazionale finalizzate alla tutela e alla salvaguardia ambientale delle aree nazionali protette e delle altre aree riconosciute in ambito internazionale per il particolare pregio naturalistico, con uno stanziamento di complessivi 6 milioni di euro.

Cipe: trasformazione in Cipess

A partire dal 1° gennaio 2021, il Comitato interministeriale per la programmazione economica assumerà una nuova denominazione: Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile (Cipess), per valorizzare gli aspetti ambientali nelle decisioni di politica economica.

Fondo per la tutela ambientale e idrogeologica

Per incentivare gli interventi di messa in sicurezza, manutenzione del suolo e rimboschimento attuati dalle imprese agricole e forestali, sarà istituito un fondo pari ad 1 milione per il 2020 e a 2 milioni per il 2021.

Fondo per la qualità dell’aria

Sarà rifinanziato il fondo per la qualità dell’aria ‘prenotando’ le risorse che affluiranno sul bilancio del ministero dell’ambiente dalle ‘aste verdi’.

Tavolo interministeriale sull’emergenza climatica

Presso il ministero dell’Ambiente, viene istituito il tavolo permanente interministeriale sull’emergenza climatica per garantire l’attuazione del Programma strategico nazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici e il miglioramento della qualità dell’aria.

Campagna di informazione

Per incentivare una campagna di informazione green nelle scuole saranno investiti circa 2 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020, 2021, 2022. Il fondo è destinato a finanziare progetti, iniziative, programmi, campagne. I bandi saranno preparati con il Miur.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube