Politica | News

Manovra: sarà una delle meno democratiche di sempre

10 Dicembre 2019
Manovra: sarà una delle meno democratiche di sempre

Parlamento svuotato delle proprie funzioni: il grido di accusa arriva dallo stesso Presidente della Camera, Fico: situazione intollerabile. 

Sarà una delle manovre finanziarie meno democratiche che ricorderà la storia della nostra Repubblica. Il testo rischia, infatti, di arrivare alle Camere, al netto degli emendamenti in votazione alle Commissioni, troppo tardi per essere discusso. A lanciare l’allarme non sono solo le forze dell’opposizione, ma anche la stessa maggioranza. 

Oggi, riprende l’esame in commissione Bilancio al Senato della manovra di fine anno. Le votazioni andranno avanti a oltranza fino a domani e, con probabilità, anche giovedì per l’approdo in Aula in serata. Il voto di Palazzo Madama è atteso venerdì.

Il presidente della Camera, Roberto Fico ha espresso forti preoccupazioni per l’eventuale arrivo blindato del testo a Montecitorio: «Tempi troppo stretti, non è tollerabile». Ormai, infatti, appare quasi certa una sola doppia lettura parlamentare della manovra. Solo tre i precedenti, citati questa mattina dal Sole 24 Ore: con i governi Berlusconi nel 2010 e nel 2011 e con l’esecutivo Renzi nel 2016. 

«Fatevi un esame di coscienza – ha detto Salvini – perché così non si può andare avanti: a settembre dicevate che sareste andati al governo per evitare l’esercizio provvisorio e invece in esercizio provvisorio rischiate di andarci per la vostra incapacità di governare». L’attacco del Carroccio viene sferrato dai banchi dell’Assemblea del Senato. 

Ma anche nella maggioranza la situazione continua a non essere tranquilla. Malgrado l’accordo raggiunto venerdì a Palazzo Chigi, Italia Viva con il ministro Bellanova è tornata a chiedere lo stop sulla sugar tax.

Il Parlamento ci sta per discutere le leggi e, nel confronto tra maggioranza e opposizione, esso deve trovare il miglior equilibrio per il Paese. Ma se le Camere vengono svuotate dei propri poteri, avviene ciò che i nostri padri costituenti avevano voluto evitare: l’abuso del potere esecutivo sulla democrazia parlamentare. Il che succede, evidentemente, non solo quando viene messa la questione di fiducia sulle votazioni.   

Giorgia Meloni a Rtl102.5 ha appena gridato: «Abbiamo una maggioranza che non è d’accordo su niente, litiga su tutto, ha votato la manovra e sono usciti dal Consiglio dei ministri dicendo che non c’entravano niente, Pd ha presentato il doppio dei nostri emendamenti. Oggi governare non è una cosa facile, servono visione, gioco di squadra, credibilità, coraggio, un’idea molto chiara di Italia. Sono rimasta scioccata dalle parole del ministro Fioramonti dei Cinque Stelle che ha detto che il Movimento non ha un’idea di paese. Se non ce l’hai non dovresti candidarti a governarlo, il punto uno della politica è avere un’idea di paese». 

«Ci sono -ha avvertito- due spinte contrapposte che si muovono, da una parte una maggioranza che disperatamente vorrebbe arrivare più avanti possibile perché ha paura di misurarsi con il consenso degli italiani, dall’altra parte, però, questa paura di misurarsi con il consenso, questa consapevolezza di non avere abbastanza voti, porta i singoli attori a doversi per forza distinguere dal resto della compagine».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube