Bollette pazze: rimborsi in arrivo

10 Dicembre 2019 | Autore:
Bollette pazze: rimborsi in arrivo

Sì all’emendamento alla manovra per garantire all’utente la restituzione con gli interessi della somma pagata non dovuta. Più poteri alla Consob contro truffe.

La commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento alla manovra che imporrà ai gestori delle utenze di luce, gas, acqua e telecomunicazioni di rimborsare i consumatori vittime delle bollette pazze. Ma è solo una delle modifiche che hanno trovato luce verde questa mattina a Palazzo Madama. Vediamole nel dettaglio.

Rimborso contro le bollette pazze

La manovra garantisce un rimborso con interessi agli utenti vittime delle bollette irregolari da parte dei gestori di servizi di telefonia, energia elettrica, gas, acqua e internet. Il rimborso consiste nella restituzione del pagamento non dovuto effettuato eventualmente dal consumatore e una penalità del 10% sul pagamento stesso, da versare in favore dell’utente.

Più poteri alla Consob contro truffe online

Un’altra proposta di modifica approvata dai senatori rafforza i poteri della Consob, la Commissione che controlla la Borsa, contro le truffe online. L’Authority avrà il potere di oscurare siti illegali per esempio nel settore del trading online.

Tutela delle donne contro la violenza

Arrivano inoltre ulteriori risorse contro la violenza sulle donne. Un emendamento varato stanzia, infatti, 4 milioni in più ogni anno per tre anni per il piano straordinario contro la violenza sessuale e di genere.

Dazi: tutela del made in Italy

Via libera dalla commissione Bilancio anche alle campagne promozionali per i prodotti agroalimentari colpiti dalla guerra dei dazi tra Usa e Cina e per la tutela del Made in Italy contro prodotti taroccati.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube