Diritto e Fisco | Articoli

Congedo straordinario per parenti con handicap purché conviventi

2 Agosto 2013
Congedo straordinario per parenti con handicap purché conviventi

Possibile ottenere il congedo, continuativo o frazionato, per due anni a condizione che vi sia la convivenza nello stesso stabile.

La legge [1] dispone che il coniuge convivente di soggetto con handicap in situazione di gravità accertata [2], ha diritto a fruire del congedo straordinario [3] (si tratta del congedo, continuativo o frazionato, non superiore a due anni), entro 60 giorni dalla richiesta.

In caso di mancanza, decesso, o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente, ha diritto a fruire del congedo il padre o la madre anche adottivi; in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti del padre e della madre, anche adottivi, ha diritto a fruire del congedo uno dei figli conviventi; in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti dei figli conviventi, ha diritto a fruire del congedo uno dei fratelli o sorelle conviventi.

Cosa si intende per convivenza?

Il ministero del Lavoro ha precisato [4] che, “al fine di addivenire a un’interpretazione del concetto di convivenza che faccia salvi i diritti del disabile e del soggetto che lo assiste, rispondendo, nel contempo, alla necessità di contenere possibili abusi e un uso distorto del beneficio, si ritiene giusto ricondurre tale concetto a tutte quelle situazioni in cui sia il disabile che il soggetto che lo assiste abbiano la residenza nello stesso comune, riferita allo stesso indirizzo”. Il che significa che il parente e il disabile devono vivere allo stesso indirizzo, considerato come stesso numero civico anche se in interni diversi”. Si ritiene che, se vi sia lo stesso numero civico, i due soggetti possono anche vivere in due scale diverse dello stesso stabile.


note

[1] Comma 5 dell’articolo 33 del Dlgs 26 marzo 2001, n. 151.

[2] Ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

[3] Di cui al comma 2 dell’articolo 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53.

[4] Con lettera circolare 18 febbraio 2010, protocollo 3884.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube