Cronaca | News

Caccia ai 49 milioni della Lega: Maroni si difende

10 Dicembre 2019 | Autore:
Caccia ai 49 milioni della Lega: Maroni si difende

L’ex leader del Carroccio ed ex presidente della Regione Lombardia nega di avere avuto un ruolo dell’associazione che porta il suo nome.

L’ex presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni si chiama fuori dall’indagine per riciclaggio della Procura di Genova sui 49 milioni della Lega che vede indagato l’assessore regionale Stefano Bruno Galli e che ha portato a diverse perquisizioni nella giornata di oggi. Al centro di alcune operazioni sospette ci sarebbe l’associazione Maroni presidente.
“In merito alle indagini che riguardano un’associazione che porta il mio nome (creata per le elezioni regionali del 2013) – scrive su Facebook Maroni – preciso – di non aver mai avuto in essa alcun ruolo gestionale né operativo. Sono tuttavia certo della correttezza della gestione da parte del presidente e dei consiglieri”.

Alcuni uffici di Regione Lombardia a Milano sono stati perquisiti nell’inchiesta della procura di Genova che riguarda l’ipotesi di riciclaggio di circa 49 milioni oggetto della presunta truffa ai danni dello Stato da parte della Lega che avrebbe riguardato la gestione del partito tra il 2008 e il 2010.

Perquisite anche due società lombarde che avrebbero fornito dei servizi durante le campagne elettorali della Lega. Si tratta della Boniardi Grafiche srl di Milano e la Nembo srl con sede a Monza, allo stato cessata.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube