Manovra: spuntano 6 grosse novità

11 Dicembre 2019
Manovra: spuntano 6 grosse novità

Alcune norme potrebbero cambiare, dal prossimo 1° gennaio, la vita degli italiani. Come quella che istituisce il fondo Salva casa.

Il debitore potrà riprendersi la casa pignorata. Chi riceverà una bolletta da “cardiopalma” sarà risarcito. Affittare un appartamento sarà più conveniente che un negozio. Monopattini elettrici trattati come bici. Sono queste alcune delle più interessanti novità che arrivano dalla discussione della manovra finanziaria in commissione Bilancio del Senato. Manovra che, ormai, rischia di sfiorare il caso storico: arriverà blindata in aula per poter essere approvata nei tempi ed evitare l’esercizio provvisorio. Con proteste sia della maggioranza che dell’opposizione. Lo stesso Fico, ieri, aveva definito la situazione come “inaudita”. Leggi Manovra: sarà una delle meno democratiche di sempre.

Nel frattempo, come sempre succede nei lavori parlamentari della legge di bilancio, spuntano una serie di proposte e novità, alcune delle quali particolarmente originali. Ecco quali sono le norme che potrebbero cambiare, dal 1° gennaio 2020, la vita degli italiani.

Il debitore potrà riprendersi la casa pignorata

Nasce il Fondo Salva Casa. Che non è, in questo caso, quello che sostiene gli affitti delle persone in difficoltà economica, ma i proprietari “vittime” di un pignoramento immobiliare. Per effetto di un emendamento a firma del presidente della Commissione Pesco (M5S), il debitore potrà mantenere in affitto la propria casa pignorata o a rischio asta facendo intervenire una società di cartolarizzazione.

Grazie all’intervento del Fondo, ancora da finanziare, il cittadino in difficoltà potrà avere l’opportunità di riacquistare con il tempo l’abitazione. In pratica, l’immobile continua a essere utilizzato dall’ex proprietario con contratto di affitto. 

La norma si unisce a quella già inserita, un anno fa, nel Codice di procedura civile che consente al debitore di rimanere nell’immobile pignorato fino a quando questo non viene venduto, a meno che tenga comportamenti tali da disincentivare le offerte all’asta.

Risarcimenti alle vittime di bollette pazze

Penali per le “bollette pazze” dei fornitori di energia, gas, telefonia, tv e internet. Se viene accertata l’illegittimità dei costi per consumi non dovuti o per addebiti di spese non giustificate, l’utente ha diritto oltre al rimborso anche al pagamento di una penale pari al 10% della somma non dovuta e per un importo non inferiore a 100 euro.

La proposta di modifica obbliga, infatti, i gestori dei servizi di pubblica utilità e gli operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazioni elettroniche a trasmettere agli utenti le comunicazioni con cui si contestano gli eventuali mancati pagamenti e si preavvisa la sospensione del servizio “in modo chiaro e dettagliato”.

L’utente ha, inoltre, il diritto di ottenere, “oltre al rimborso delle somme eventualmente versate, anche il pagamento di una penale pari al 10% dell’ammontare contestato e non dovuto e, comunque, per un importo non inferiore a 100 euro”. Il rimborso può avvenire o con lo “storno nelle fatturazioni successive” o con “un apposito versamento”.

Salta la cedolare secca per i negozi

Salta la proroga della cedolare secca per i negozi. La commissione Bilancio del Senato ha bocciato gli emendamenti presentati da Lega, Fi e Fratelli d’Italia che prevedevano il prolungamento dell’agevolazione al 2020 sugli affitti di esercizi commerciali. La scorsa notte, il Governo e la maggioranza hanno deciso di annullare la cedolare secca del 21% sugli affitti dei negozi, che era stata introdotta un anno fa con l’intento di limitare la gravissima crisi dei locali commerciali. Si tratta di una decisione sorprendente.

In assenza della cedolare, che era stata prevista per i contratti stipulati nel 2019, il proprietario è infatti soggetto all’Irpef, all’addizionale regionale Irpef, all’addizionale comunale Irpef e all’imposta di registro, per un carico totale che può superare il 48 per cento del canone e al quale deve aggiungersi la patrimoniale Imu-Tasi, oltre alle spese di manutenzione dell’immobile e al rischio morosità (per non parlare degli effetti provocati dalla preistorica regolamentazione dei contratti di locazione interessati).

Monopattini elettrici equiparati alle bici

I monopattini elettrici, a bassa potenza (max 500w) verranno equiparati alle biciclette e potranno circolare nel rispetto del Codice della strada. L’emendamento riformulato alla manovra presentato da Italia Viva con l’obiettivo di incentivare la mobilità sostenibile e approvato dalla commissione Bilancio del Senato nella notte.

Sostegno ai figli che vanno a scuola di musica o in conservatorio

Viene approvata una detrazione Irpef del 22% per l’iscrizione di giovani tra 5 e 18 anni per le famiglie con basso reddito a scuole di musica o conservatori. Lo prevede un emendamento, a firma Leu. Il bonus vale per spese di importo non superiore a 1.000 euro per i contribuenti con redditi complessivi fino a 36.000 euro

Contributi a fondo perduto

Sono stati approvati dei nuovi bonus per l’agricoltura innovativa. La legge di bilancio prevede un contributo a fondo perduto fino al 35% e mutui agevolati id importi non superiore al 60% della spesa ammissibile per iniziative di sviluppo di processi produttivi innovativi e di agricoltura di precisione o alla tracciabilità prodotti con tecnologie blockchain.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube