Politica | News

Senatore M5S chiede in rete come votare sul Mes

11 Dicembre 2019
Senatore M5S chiede in rete come votare sul Mes

Gianluigi Paragone ha lanciato un sondaggio su Facebook per chiedere se votare si o no alla risoluzione della maggioranza di governo sul Mes.

Proseguono le sorprese in ambiente pentastellato: oggi, per come riporta l’agenzia stampa Adnkronos, il senatore “ribelle” del Movimento 5 Stelle Gianluigi Paragone ha lanciato un sondaggio online per sapere dai suoi sostenitori come comportarsi in occasione del voto da esprimere sulla risoluzione di maggioranza sul Mes, il meccanismo salva Stati.

Il quesito che appare sulla pagina Facebook del senatore è: “Volete che oggi in Aula voti NO AL MES nel rispetto del programma dei 5 Stelle?”. Subito sotto alla domanda compare la didascalia: Questo è quello che è scritto nel programma del M5S: ‘Il Movimento 5 Stelle in particolare, SI IMPEGNERÀ ALLA LIQUIDAZIONE DEL MES (FONDO ‘SALVA STATI’)’.

Il risultato definitivo è apparso poco fa: al sondaggio hanno votato 16 mila utenti e 1.300 di loro hanno anche espresso dei commenti. Ha vinto a maggioranza il NO AL MES con il 54% dei voti, mentre il SI AL MES ha avuto il 46%. Così la posizione emersa è quella contraria alla linea ufficiale del Movimento; del resto Paragone è tra i parlamentari che stando alle recenti dichiarazioni e alle notizie di agenzia di oggi vengono dati in fuga verso la Lega sconfessando la leadership di Luigi Di Maio.

Paragone però in serata – annunciando il suo voto contrario alla risoluzione sul Mes – ha precisato che “La mia non è una dichiarazione in dissenso prodromica a un cambio di gruppo. Voglio solo invitare il mio gruppo e il governo a stare attenti a una questione… il Mes sta dentro un’architettura neoliberista dell’Europa, che ci nega una seria e incisiva politica espansiva, ci nega la possibilità di crescere”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube