Diritto e Fisco | Articoli

Nessun fermo amministrativo se si dimostra che l’auto serve per l’attività professionale

6 Agosto 2013
Nessun fermo amministrativo se si dimostra che l’auto serve per l’attività professionale

Ecco tutta la procedura per il fermo auto: inoltre le modifiche al decreto del Fare consentiranno di ottenere la cancellazione delle ganasce fiscali qualora il contribuente dimostri che il mezzo viene utilizzato per l’attività d’impresa o professionale.

Equitalia non potrà iscrivere il fermo amministrativo se il contribuente, entro 30 giorni dal preavviso, riesce a dimostrare che l’auto è per lui necessaria all’esercizio dell’attività di impresa o professionale. Lo prevede un emendamento al decreto del Fare [1] appena approvato dalla Camera dei Deputati e ora al vaglio del Senato.
Come noto, il fermo amministrativo (anche detto “ganasce fiscali”) è una misura cautelare che può adottare Equitalia e qualsiasi altro agente della riscossione sui veicoli e tutti gli altri beni mobili registrati.

La procedura attuale

L’agente della riscossione può iscrivere il fermo solo a seguito di una procedura ben definita nei tempi e prefissata dalla legge. Eccola.

Se dopo 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento (90 giorni, invece, nel caso di avviso di accertamento esecutivo), il contribuente o il coobbligato non abbiano versato le somme contestate, al primo viene notificato un preavviso di fermo con cui lo si invita a pagare entro 20 giorni. Se neanche dopo tale scadenza il debito è stato saldato, viene iscritto il fermo. Dell’iscrizione del fermo l’Agente della riscossione fornisce comunicazione all’interessato titolare del mezzo.

Solo per i debiti fino a 2mila euro, prima di disporre il fermo, l’agente della riscossione deve inviare per posta ordinaria due solleciti di pagamento (il secondo decorsi almeno sei mesi dal primo).

Il fermo può essere iscritto a prescindere dall’entità del credito (quindi, anche per crediti piccoli).

Il fermo si impugna alla Commissione tributaria se il credito fatto valere dall’Agente della riscossione ha natura fiscale, diversamente va impugnato davanti al Tribunale ordinario.

La procedura introdotta con il Decreto del Fare
Se il Decreto del Fare [1] verrà approvato, nell’attuale formulazione, anche dal Senato, la procedura per l’iscrizione del fermo cambierà in questo modo.

Prima dell’esecuzione del fermo, Equitalia o gli altri concessionari notificheranno al debitore o ai coobbligati iscritti nei pubblici registri una comunicazione preventiva. L’avviso specificherà che se il contribuente o il coobbligato non pagheranno entro 30 giorni (non più, quindi, 20 giorni, come accade attualmente), verrà iscritto il fermo nei registri mobiliari senza ulteriori avvisi.

Entro tale termine, tuttavia, il debitore o i coobbligati potranno dimostrare all’agente della riscossione che il bene mobile in questione è strumentale all’attività di impresa o della professione ed evitare, in questo modo, le ganasce fiscali.
La prova
In pratica, entro i 30 giorni successivi alla notifica del preavviso di fermo, il contribuente dovrà recarsi presso lo sportello dell’agente della riscossione e dimostrare che il bene è strumentale alla sua attività professionale.

Già, ma in che modo?

La nuova norma contenuta nel Decreto del Fare non lo chiarisce.

Si può, comunque, ipotizzare che la dimostrazione dell’utilizzo strumentale possa avvenire con l’esibizione dei libri contabili e con l’indicazione delle effettive esigenze operative che il bene soddisfa.
In ogni caso, se il contribuente ha ottenuto dall’Agente della riscossione l’autorizzazione alla dilazione del debito, il fermo non potrà essere iscritto.

Inoltre Equitalia ha chiarito [2] che il pagamento della prima rata comporta la revoca del fermo di beni mobili registrati in precedenza adottato.


note

[1] DL 69/2013, articolo 52, comma 1, lettera m-bis.

[2] Direttiva Equitalia n. 12/2008.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Sicuro che è possibile circolare con un fermo amministrativo? Da altre fonti dicono il contrario con sanzioni di 2500 e rotti euro e sequestro del veicolo. é possibile avere delucidazioni a riguardo? Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube