Reddito di cittadinanza sospeso per chi lavora

11 Dicembre 2019
Reddito di cittadinanza sospeso per chi lavora

La legge di Bilancio modifica le condizioni di percezione del Rdc per chi con un lavoro supera i limiti di reddito previsti. Decadenza dopo il 31 dicembre.

Stop al Reddito di cittadinanza per coloro che trovano un lavoro che fa superare il reddito familiare che consente di accedere all’erogazione dell’assegno, al 31 dicembre. E’ quanto prevede un emendamento al disegno di legge di Bilancio 2020, approvato oggi dalla commissione Bilancio del Senato, per come ci informa l’agenzia stampa Adnkronos.

La proposta di modifica stabilisce che il Reddito di cittadinanza verrà sospeso, per chi supera il reddito familiare necessario per ottenere il mantenimento, ”per la durata dell’attività lavorativa che ha prodotto l’aumento del valore del reddito familiare”. Si tratterebbe, quindi, di una misura temporanea, da applicarsi solo durante il periodo contrattuale di lavoro. La prestazione però, secondo quanto stabilisce la norma, ”decade laddove il superamento del valore del reddito familiare sussista anche dopo il 31 dicembre dell’anno in cui si è verificato”.

La senatrice M5S Antonella Campagna, firmataria della proposta di modifica al disegno di legge di Bilancio, ora approvata, spiega così all’agenzia stampa Adnkronos il contenuto del provvedimento: “Grazie all’emendamento che sospende il Reddito di cittadinanza per chi viene assunto a tempo il beneficio viene ‘congelato’ per essere ripristinato quando chi lo percepisce torna in possesso dei requisiti indicati dalla legge e cioè la condizione di inoccupazione o disoccupazione“.

“Di fatto – prosegue la senatrice – interveniamo per snellire le procedure burocratiche, rendendole più efficienti e tutelando chi alla scadenza del contratto riacquista lo status di disoccupato. Con questa piccola modifica incoraggiamo i percettori di Rdc ad accettare le offerte di lavoro loro proposte, non a rifiutarle perché non le reputano convenienti e temono di perdere il beneficio”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube