Tumori: più fondi per sapere chi si ammala e perché

12 Dicembre 2019
Tumori: più fondi per sapere chi si ammala e perché

Inserito nella Legge di Bilancio uno stanziamento per potenziare la Rete nazionale dei registri dei tumori. Sarà possibile correlare chi si ammala e dove.

È stato approvato un subemendamento alla Legge di Bilancio che prevede lo stanziamento di due milioni di euro per la Rete nazionale dei registri dei tumori: un milione di euro per il 2020 e 500mila euro all’anno per il biennio 2021/22. Lo comunica l’agenzia stampa Adnkronos riportando l’annuncio del capogruppo del MoVimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità del Senato, Maria Domenica Castellone, firmataria del subemendamento.

La Rete nazionale dei registri dei tumori e dei sistemi di sorveglianza, che prevede anche il referto epidemiologico per il controllo sanitario della popolazione, è stata istituita a marzo del 2019 con l’obiettivo di indagare sul fenomeno, controllarne l’andamento e l’incidenza sulla popolazione in base ai fattori di rischio (età, lavoro, attività) ed agli ambiti territoriali di coloro che si ammalano, in modo da prevenirlo più efficacemente.

“Con la Legge 29 del 2019 abbiamo creato lo strumento per creare una rete indispensabile per correlare i dati di incidenza tumorale ai territori e avere così una vera e propria mappa della correlazione tra chi si ammala e dove -spiega la senatrice. Dati fondamentali per poter programmare interventi di prevenzione mirati e ottenere diagnosi più accurate con metodologie di coordinamento basate su analisi di fattori ambientali differenziati. Oggi con lo stanziamento di questi fondi facciamo un altro passo avanti per avere maggiori percentuali di guarigione“.


note

Immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube