Diritto e Fisco | Articoli

Separazione e destinazione della casa coniugale utilizzata dalla ex nuora

8 Agosto 2013 | Autore:
Separazione e destinazione della casa coniugale utilizzata dalla ex nuora

La nuora che abbia utilizzato la casa dei suoceri come residenza coniugale è tenuta a restituirla in caso di rottura del matrimonio

 

Nel caso in cui la abitazione dei suoceri venga concessa in comodato al figlio e alla nuora per essere utilizzata come casa coniugale, dovrà essere restituita dalla nuora qualora venga meno il matrimonio.

È quanto ha affermato la Cassazione in una recente pronuncia [1] in cui ha stabilito che i proprietari dell’immobile hanno il diritto di ottenere la restituzione dell’appartamento di proprietà nel momento in cui il rapporto matrimoniale del figlio si sia concluso. Nel caso in cui la nuora si rifiuti di restituirlo, il suo comportamento sarà configurabile come una forma di occupazione  abusiva.

Nella vicenda in esame, la Corte ha anche condannato la donna al risarcimento dei danni agli ex suoceri per aver restituito in ritardo l’immobile, escludendo che da detto importo andassero detratte le spese sostenute dalla nuora per apportare miglioramenti da quest’ultima effettuate all’abitazione.

Infatti le migliorie, che il comodatario decide di realizzare sull’immobile chiesto in restituzione dai proprietari sono oggetto di una  libera scelta fatta nel proprio esclusivo interesse: pertanto chi le fa non ha il diritto di pretendere la restituzione di quanto versato per apportarle.


Una volta venuto meno il matrimonio, motivo del comodato, non è lecito rimanere nella casa concessa dai suoceri; il rifiuto di rilasciare l’immobile si configura come una situazione di occupazione abusiva con l’obbligo di risarcire il danno.

note

[1] Cass. sent. n. 17941 del 24.07.2013


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube