Diritto e Fisco | Articoli

Pensione: pignorabile solo il quinto che eccede il minimo vitale

8 Agosto 2013
Pensione: pignorabile solo il quinto che eccede il minimo vitale

Nell’attesa che la legge definisca quale sia il minimo vitale sotto il quale la pensione non può essere pignorata, il giudice si riferisce, caso per caso, a quanto indicato nella Finanziaria dell’anno in corso.

La pensione può essere pignorata solo nella misura massima di un quinto della quota netta mensile che eccede il minimo vitale. Questo trattamento di favore riguarda solo le pensioni e non lo stipendio da lavoro dipendente.

A quanto ammonti di preciso la somma che non può essere oggetto di espropriazione forzata non è ancora dato sapere: sarebbe, infatti, dovuto intervenire un provvedimento del Parlamento, che non è mai arrivato. E infatti la Cassazione segnala che, in materia, vi è una vera e propria lacuna, sottolineando l’inerzia del legislatore. Spetta allora al giudice dell’esecuzione decidere caso per caso. È quanto emerge da una sentenza di ieri della terza sezione civile della Suprema Corte [1].

Non possono trovare tutela le richieste del creditore procedente che ha avviato il pignoramento della pensione del debitore presso l’INPS. Nel caso di specie, di fronte alla pensione di reversibilità pari a 620,61 euro, il Tribunale ne ha ritenuto impignorabili 525,89 a titolo di minimo vitale, prendendo come parametro quello della legge finanziaria dell’epoca.

La Corte Costituzionale ha ritenuto [2] che il trattamento di favore, con l’assoluta impignorabilità del minimo vitale, si applica solo alle pensioni e non ai redditi di lavoro dipendente, poiché il trattamento previdenziale risulta connotato dal principio di solidarietà sociale.

Per il resto dovrà intervenire una legge a chiarire come determinare lo soglia (del minimo vitale) sotto la quale l’assegno non può essere aggredito dal creditore procedente (con l’eccezione dei crediti qualificati).  Infatti, non esistono ancora criteri applicabili in modo diretto. Pertanto, nel silenzio della legge, i giudici si rifanno al minimo vitale indicato dalla Finanziaria dell’anno in corso.


note

[1] Cass. sent. n. 18755/13 del 7.08.2013.

[2] C. Cost. sent. n. 506/02.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. salve ho una piccola domanda da farvi per quanto riguarda le pensioni, allora si una una coppia di sposi si sono seprati 40 anni fa, il motivo di questo e che lui aveva scoperto che la moglie lo tradiva con l’amico, una volta che lui sa questo fatto, caccia via della casa alla moglie e questa qua va ad abitare insieme con l’altro uomo ok, dopo di 40 anni, il marito che mai aveva fatto causa alla moglie per tradimento e non aveva chiesto la separazione al giudice, lui comincia a fare i documenti per ricevere la sua pensione, gia che non la aveva chiesto mai, solo che lui non aveva una casa e ne meno figli, nessun parente in vita, lui era uno di quelli che riceveva aiuto dalla chiesa, non aveva un domicilio, questa persona ha 70 anni di eta, ma e morta per motivo di cancro al fegato e colo, l’inps aveva riconosciuto a lui la pensione che doveva ricevere, aveva cominciato a ricevere la pensione minima che sono circa di 300 euro e qualcosa in piu, pero aspetava una quantita piu grande della sua pensione, che erano circa di 30 mila euro, gia confermati dall’inps, ma questo uomo muore.

    la mia domanda e questa, quella donna, quindi la moglie, ha qualche diritto a ricevere la pensione del suo ex marito? li corrisponde qualcosa o pure non? anche si sono passati 40 anni che non abitano insieme gia che questa donna ed andata a vivere con l’amico del marito, lei ha il diritto a ricevere qualcosa o pure non? come vecchio indirizzo aveva quello dove abitava insieme alla moglie 40 anni fa, allora la moglie ha diritto a ricevere qualcosa si o pure non, gia che non ci sono figli e nessun parente in vita da parte del marito?

    1. Questa è una risposta automatica.
      La ringraziamo per la Sua mail.

      L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale https://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo ivi pubblicato troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza su questo argomento”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso carta di credito.

      Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  2. o preso unprestito della cessione del kuinto della pensione e ounprestito con una finaziaria ke non posso piu pagare possono dekurtarmi ancora la pensione potete rispondere vi ringrazio

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube